Cerca

Sanità

Gli ospedali migliori dove farsi curare: malattia per malattia ecco la classifica

Gli ospedali migliori dove farsi curare: malattia per malattia ecco la classifica

Tumori, parti, ictus, fratture. Ecco la lista delle migliori strutture ospedaliere in Italia secondo il portale Dove e Come Mi Curo: sono 1.372 le strutture sanitarie accreditate in Italia; 178 le prestazioni sanitarie presenti nel sito e 65 gli indicatori di qualità. Vediamone alcuni, divisi per patologia.

Tumore al seno - Fiore all'occhiello nazionale è lo IEO di Milano, Istituto Europeo Oncologico fondato dall'oncologo Umberto Veronesi, segue l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, l'Humanitas di Rozzano (MI), l'Azienda Universitaria Careggi di Firenze, il Policlinico Gemelli di Roma.

Tumore ai polmoni - Lo IEO di Milano è sempre in cima alla lista nazionale delle migliori strutture per il trattamento del tumore al polmone,seguito dall'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Segue l'Ospedale di Padova, l'Azienda Ospedaliera Università Pisana e l'Azienda Ospedaliera S. Andrea di Roma.

Tumore al colon - Il Policlinico Gemelli di Roma è al primo posto. Segue l'Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, le Molinette di Torino, l'Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze, il San Martino di Genova.

Aneurisma - L'ospedale più virtuoso d'Italia è il Presidio Ospedaliero Lancisi di Ancona con 24 ricoveri nel 2015 e un tasso di mortalità a 30 giorni pari a 1,24, seguito dal Policlinico Umberto I di Roma, dal nuovo Ospedale Civile Sant’Agostino Estense di Modena, dall'Ospedale di Padova, dall'Arcispedale Sant'Anna di Ferrara.

Angioplastica coronarica - Primo nella lista delle strutture più virtuose risulta essere il Centro Cardiologico Monzino di Milano con 1870 ricoveri, seguito dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze. Terzo posto per la Clinica Mediterranea di Napoli, seguita dall'Ospedale San Raffaele di Milano e dall'Azienda Ospedaliero Universitaria Maggiore Carità di Novara.

Ictus - In cima alla classifica, con il tasso di mortalità più basso, c'è l'Ospedale Luini Confalonieri di Varese; seguono l'Ospedale S. Giovanni Fatebenefratelli di Roma; l'Irccs Neuromed Pozzilli di Isernia; l'Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari; il presidio Ospedaliero Barone-Romeo di Messina.

Frattura collo del femore - Primo nella classifica dei più virtuosi in Italia l'Istituto Rizzoli di Bologna. Seguono l'Azienda Ospedaliera di Perugia; l'Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze; l'Istituto Ospedaliero Gaetano Pini di Milano; il Presidio Ospedaliero Villa Sofia di Palermo.

Ginocchio-artroscopia - Sul trattamento in artroscopia del ginocchio, primo nella classifica nazionale delle strutture sanitarie più virtuose è la Casa di Cura S. Giorgio di Pordenone. Seguono la Casa di Cura San Giuseppe di Arezzo; l'Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano-Gruppo Ospedaliero San Donato; la Casa di Cura città di Bra (Cuneo) e l'Istituto Marco Pasquali-ICOT di Latina.

Parto - Sul parto in Italia, si conferma in vetta l'Ospedale Sant'Anna di Torino; segue l'Ospedale Maggiore Policlinico di Milano, l'Ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma, l'Ospedale San Giovanni Fatebenefratelli sempre a Roma, l'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sanaviagianni

    sanaviagianni

    28 Aprile 2016 - 10:10

    Da anni giace una legge che prevede la liberalizzazione dei farmaci di fascia C. Ciò permetterebbe di far risparmiare de milioni agli italiani. Queste sono le vere riforme! Ma naturalmente la Federazione delle farmacie non lo permette. Chissà perché.

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    27 Aprile 2016 - 16:04

    Bravo girolamo

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    27 Aprile 2016 - 13:01

    ...la migliore casa di cura è Lorenzin presso Giuda Hospital.

    Report

    Rispondi

blog