Cerca

La tragedia

Incinta di due gemelli: morta a 37 anni. Che cosa le è successo prima di morire

Incinta di due gemelli: morta a 37 anni. Che cosa le è successo prima di morire

Sarà la magistratura adesso a occuparsi del caso di Claudia Bordoni, la 37enne morta a nella clinica Mangiagalli di Milano lo scorso giovedì, ricoverata perché alla ventiquattresima settimana di gravidanza. Il suo sogno era diventare mamma, era rimasta incinta con la fecondazione assistita di due gemelli, morti in pancia insieme a lei. Gli ultimi sei mesi, riporta il Corriere della sera, è stata assisita da tre ospedali milanesi, dal San Raffaele dove si è sottoposta alla Pma, al pronto soccorso di Busto Arsizio e infine alla clinica Mangiagalli, dove ha passato le sue ultime 36 ore.

La fine - Ad ogni minimo problema, la donna si sarebbe sempre rivolta ai medici, consapevole dell'alto rischio di aborto che comportava la sua gravidanza. Ma lo scorso giovedì, i medici l'hanno trovata agonizzante nel letto dell'ospedale, mentre vomitava sangue. È stato tentato anche un cesareo di urgenza per salvare i due gemelli, ma l'intervento non è riuscito.

L'ipotesi - In una nota della Mangiagalli è stata ribadita "piena fiducia nell'operato dei medici e delle ostretiche" della Mangiagalli, "uno dei migliori e più sicuri punti nascita d'Italia". La donna potrebbe essere morta per una emorragia gastrica, ma cosa l'abbia potuta provocare sarà l'autopsia a chiarirlo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Anna 17

    Anna 17

    30 Aprile 2016 - 14:02

    Non è concepibile nel 2016 alla Mangiagalli di Milano, si possa morire per dare alla luce due gemelli. E' inaudito, intollerabile che una donna incinta, ricoverata in uno dei migliori ospedali per far nascere i bambini, la si possa lasciar morire, insieme ai suoi figli, senza capire cosa stava succedendo. Alla base non può non esserci un errore umano.

    Report

    Rispondi

blog