Cerca

Lo scandalo

Naufraghi della Concordia umiliati dai giudici: stesso risarcimento anche per la moldava di Schettino

Domnica cemortan

Trenta mila euro di risarcimento per i naufraghi della Costa Concordia. E trentamila euro di risarcimento per Domnica Cemortan, la moldava che si trovava in compagnia del comandante Francesco Schettino al momento dell’urto con lo scoglio del Giglio. I sopravvissuti insorgono, parlano di “gettone presenza” e chiedono alla Corte di Appello di Firenze di rimediare a quello che chiamano “il disonore di una liquidazione forfettaria del danno uguale per tutti, 30.000 euro”, stabilita dal tribunale di Grosseto. Secondo i legali, “i naufraghi hanno subito danni fisici e psicologici” e “il tribunale di Grosseto non avrebbe usato abbastanza "equità" nell'attribuire i risarcimenti”. Attraverso l’avvocato Guarini, i sopravvissuti si lamentano che la sentenza di Grosseto ha consegnato solo una verità parziale e chiedono alla corte di Appello di far luce sull’altro pezzo di verità: “Le responsabilità vanno viste tutte. Non ci piace un processo Schettino-centrico, anche altri ufficiali di bordo lasciarono la nave e, a terra, ci furono responsabilità da parte di dirigenti di Costa spa”. Un altro avvocato della parte civile, Cesare Bulgheroni, è ancora più drastico: "Costa Crociere è responsabile molto più di quanto emerge dalla sentenza, per cui la corte di appello dovrebbe applicare risarcimento da danni punitivi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    07 Maggio 2016 - 15:03

    Ormai è noto che tutti i processi mirano a una cosa sola: ottenere rimborsi più alti. Tutto il resto è gossip.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    07 Maggio 2016 - 13:01

    In Italia, questo e altro. Non è un paese per giusti

    Report

    Rispondi

blog