Cerca

Le motivazioni

Processo escort, la sentenza bacchettona. Cosa scrivono i giudici sulle cene del Cav

Processo escort, la sentenza bacchettona. Cosa scrivono i giudici sulle cene del Cav

Non furono «serate eleganti», come ha sostenuto al processo qualche testimone, quelle organizzate da Giampaolo Tarantini tra il 2008 e il 2009 soprattutto nelle residenze dell’ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in particolare a palazzo Grazioli. Lo sostengono i giudici della seconda sezione penale del tribunale di Bari, presieduta da Luigi Forleo, nelle motivazioni della sentenza che il 13 novembre scorso ha condannato in primo grado l’imprenditore pugliese a 7 anni e 10 mesi di reclusione, la showgirl Sabina Beganovic, detta Began o ape regina, a 1 anno e 4 mesi, il public relation milanese Peter Faraone a 2 anni e 6 mesi e Massimiliano Verdoscia, amico di Tarantini, a 3 anni e sei mesi. Si tratta dell’inchiesta denominata ’escort’ perché l’accusa ritiene che le ragazze che presero parte a quelle feste svolgessero quella professione.

I giudici hanno evidenziato che si trattava di «cene (poco) eleganti» alle quali partecipavano costantemente «avvenenti, provocanti, disinvolte spregiudicate, disinibite e soprattutto giovanissime donne». Secondo i giudici le ragazze lo facevano «nella maggior parte dei casi, nella esclusiva prospettiva di conseguire munifiche elargizioni economiche o altri vantaggi personali o addirittura, in modo ancor più lungimirante, di dare una svolta alle loro (talvolta, a dir poco modeste) vite». Le ragazze, secondo i giudici erano «animate dalla speranza di guadagnare le sue attenzioni (di Berlusconi ndr) e di essere elette per trascorrere la notte in sua compagnia, consentendo a soddisfarne anche le più perverse pulsioni erotiche addirittura attraverso la consumazione di rapporti saffici». Gianpaolo Tarantini, invece, avrebbe fatto leva sulle «debolezze sessuali» dell’ex Cavaliere per «carpirne dapprima la confidenza, quindi pian piano la gratitudine e riconoscenza per quella discreta e volutamente non troppo ostentata opera di continua ricerca di donne rispondenti ad un determinato cliché da porre nella sua disponibilità per allietarne le serate ed appagarne la libidine quando e come lo desiderasse».    

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oenne

    12 Maggio 2016 - 11:11

    Chry ancora tu _ ma non dovevi scrivere piu??? SARAI BEN CONTENTO X LA NUOVA LEGGE APPROVATA ANCHE X IL TUO MODUS VIVENDI _ schwule da 4 centimes

    Report

    Rispondi

  • katia78

    12 Maggio 2016 - 09:09

    CHE SCHIFO............OGNUNO IN CASA PROPRIA E NEL SUO LETTO DEVE POTER FARE CIò CHE VUOLE SE LEGALE......IL PROBLEMA NASCE SECONDO ME DA METTERSI IN CONDIZIONE DI ESSERE POI RICATTATI EVENTUALMENTE.. E QUESTO è UN'ALTRO DISCORSO

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    12 Maggio 2016 - 08:08

    ma basta: le ragazze erano consenzienti, hanno fatto il loro lavoro e sono state pagate anche troppo. Con questo non voglio dire che stimo berlusconi come padre e come marito, solo che sono fatti suoi.

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    12 Maggio 2016 - 07:07

    giuduci bacchettoni!!!!Se le ragazze erani maggiorenni e lo facevono per soldi o per avere favori dove sta il reato? Quante donne la danno al datore di lavoro o al capi uffucio per far carruera e aver vantaggi economici?Le prostitute e i lori ckienti? Per queste persone é lecito per altre no .Ma se abdasseo a" c....e" farebbero meni danni e ne beneficerebbe la loro salute.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog