Cerca

Già è povero, viene spennato

La figlia fannullona: non dà un esame. Giudici, decisione horror: papà rapinato

pensionato paga

Casa dolce casa. Sempre vero anche quando, ormai, si ha superato una certa età. E se il papà brontola perché non vuole più mantenere il pargolo "cresciutello", ci pensa il tribunale a pignorargli la pensione per dare una congrua "mancia" mensile al figlio. È il caso, l’ennesimo, che riguarda una ventiquattrenne di Rovereto che ha portato davanti ai magistrati il padre, autista in pensione della società provinciale dei trasporti, "reo" di non voler più mantenere la figlia agli studi perché non aveva dato ancora nemmeno un esame.

Il Tribunale di Trento si è schierato con la ragazza, stabilendo il pignoramento di un quinto della pensione dell’uomo, 150 euro su 800, per dirottarlo sul conto corrente della studentessa. “La somma dovrà essere versata sino a quando non sopraggiungerà l’indipendenza economica della beneficiaria”, ha precisato il giudice, rifacendosi ad un orientamento fissato dalla Cassazione che paradossalmente era stato stabilito nel 2011 per arginare le pretese dei "figliol prodighi" in casi come questo. Invece, gli ermellini di Trento hanno deciso che il pensionato dovesse riprendere a pagare gli alimenti, impegno da lui onorato fino a quando la figlia aveva compiuto 18 anni e trovato un lavoro, ora che la ragazza, rimasta disoccupata, ha deciso di intraprendere una, pur poco brillante, carriera universitaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    12 Maggio 2016 - 15:03

    i giudici da tempo emettono sentenze che vanno ben oltre il buon senso. Mi piacerebbe vedere cosa hanno nella crapa.E' mai possibile che un genitore che si ritrova con una figlia che non ha voglia di lavorare,non ha voglia di studiare si veda costretto a mantenerla anche se ha una misera pensione.? Questi giudici andrebbero licenziati in tronco ,così gli altri ragionerebbero un po' di più.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    12 Maggio 2016 - 15:03

    Lo stato entra nella vita dei cittadini in maniera autoritaria e nociva

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    12 Maggio 2016 - 13:01

    Mi auguro che nel prossimo futuro questi Magistrati si trovino in simili problemi. Dimenticavo, sarà difficile in quanto il loro onorario è così alto ed assurdo che si possono permettere di legiferare con il culo, non con la testa. Questo Paese ormai è allo sfascio più completo.

    Report

    Rispondi

blog