Cerca

La sentenza

Moglie ferita al piede, l'incubo del feticista. "Non posso leccarla": risarcimento record

Moglie ferita al piede, l'incubo del feticista. "Non posso leccarla": risarcimento record

Noi avvocati siamo destinati a sentirne di ogni colore. D' altronde, il cliente intelligente confessa al proprio azzeccagarbugli vita, morte e miracoli. Non sempre abbiamo l' ardire di riportare al magistrato i minimi particolari delle indecenti vicende che ascoltiamo, ma tra colleghi ci raccontiamo tutto, seppur senza nomi e cognomi.

Ecco, allora, l' ultima performance che ho avuto l' onore di udire: Tribunale di Milano, causa di risarcimento danni contro l' assicurazione intentata dal marito di una donna amputata di tre falangi del piede destro a seguito d' infortunio. L' azione giudiziale non riguarda però l' indennizzo delle lesioni fisiche della malcapitata, ma il danno riflesso del marito, noto esponente dell' alta società meneghina, per la privazione del proprio più conclamato feticismo, ossia l' adorazione sessuale dei piedi della moglie.
In un primo momento, la compagnia assicurativa respinge l' insolita richiesta danni nella convinzione che il Tizio voglia solamente speculare sull' infortunio.

Lui però non si perde d' animo e porta in tribunale l' assicurazione che continua a negare il risarcimento. Tra i testimoni davanti al Giudice sfilano, privi d' imbarazzo alcuno, i compagni di giochi erotici della coppia che ne confermano le attitudini feticiste; il magistrato inizia a manifestare chiari segni d' insofferenza e invita le parti ad accordarsi. Ostinatamente l' assicurazione resiste, perché ritiene troppo difficile qualificare giuridicamente e monetizzare un danno simile. Esistenziale? Morale? Biologico? E quanto vale non leccare più il piede finemente ingioiellato della moglie? Poi il colpo di teatro: la difesa chiama a testimoniare la giovane e costosissima modella dai piedi meravigliosamente affusolati che sostituisce l' incidentata moglie nelle pratiche erotico-fetish. La teste conferma il sostanzioso cachet. A quel punto la compagnia inizia a temere che il danno patrimoniale (le spese della sostituta nei giochini birbi) diventi troppo elevato ed evita la sentenza con una transazione che riconosce il risarcimento del danno fetish da mancato godimento del piede integro.

Matteo Mion

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog