Cerca

Il carpentiere

Bossetti, gesto estremo. Non regge alle lettere porno: "Mamma, non pensarci più..."

Bossetti

"Mamma e Laura, io so che la farò finita qui dentro, perché non posso accettare tutto quello che ho combinato a Marita e me lo merito davvero per quello che ho fatto". Così Massimo Bossetti in una disperata lettera alla madre Ester e alla sorella Laura, che il settimanale Oggi pubblica nel numero in edicola da domani. Bossetti quando dice che "non posso sopportare ciò che ho fatto" si riferisce alle lettere pornografiche inviate a una detenuta.

Continua l'imputato per l'omicidio di Yara Gambirasio: Mi auguro solo che un giorno mi possa svegliare accanto a papà (il defunto Giovanni Bossetti, ndr) e non dover più soffrire per niente e lui mai mi abbandonerà in preda allo sconforto e disperazione. Mamma, ora vivo qui dentro momentaneamente, ma non sarà per tanto perché non è degna essere chiamata vita, la vita qui dentro, purtroppo sono costretto nel starci ma non per molto credimi... Io in una maniera o l'altra da qui me ne vado. Lo farò credimi, solo per restare bene una volta per tutte... Mamma e Laura più male di così come posso stare, non preoccupatevi, gli agenti qui mi stanno aiutando insieme ai dottori io comunque ho già in mente le mie idee e nessuno me le farà cambiare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Janses68

    18 Maggio 2016 - 16:04

    Uno in meno ... un depravato in meno.

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    18 Maggio 2016 - 08:08

    Ce ne faremo una ragione della sua morte. Le lettere scritte alla detenuta sono l'esempio di quello che ho sempre scritto e cioè che Bossetti non ha ucciso Yara per crudeltà, ma per la più grande stupidità.

    Report

    Rispondi

blog