Cerca

Il ritorno

L'editoriale di Vittorio Feltri: Pane al pane, vino al vino

L'editoriale di Vittorio Feltri: Pane al pane, vino al vino

Rieccomi. Chi non muore si rivede. I lettori di Libero, che fondai nel 2000, mi conoscono e sanno cosa si possono aspettare da me: sbalzi di umore e molti malumori, nessun inchino al potere politico e qualche impuntatura. Quando lasciai la direzione nell' agosto 2009, gli acquirenti giornalieri di questo quotidiano erano suppergiù 120 mila. Oggi sono molti di meno, perché il mondo è cambiato mentre la stampa è sempre la stessa. Se aggiungiamo alla crisi strutturale del settore informativo l' esplosione del cosiddetto web, si comprende perché l' espansione diffusionale si sia ridotta. Si è ridotta per tutti, per Libero meno rispetto ad altri media cartacei.

Continua a leggere l'editoriale di Vittorio Feltri
su Libero in edicola oggi o acquista una copia digitale  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • leghistamonzese

    19 Maggio 2016 - 16:04

    Bentornato a casa Tua Vittorio. saludos y suerte dal Nicaragua.

    Report

    Rispondi

  • 19 Maggio 2016 - 15:03

    Finalmente si finirà di spargere fango e odio,se fosse così ritornerò a leggere il quotidiano.

    Report

    Rispondi

  • ninosiciliano13

    19 Maggio 2016 - 14:02

    Alcuni commenti nei talk delLa7 non mi sono piaciuti perché troppo sdraiati sul potere.Spero che non succeda sulla carta stampata perché qualche copia (compresa la mia) verrà persa.

    Report

    Rispondi

  • c.mazzaracchio

    19 Maggio 2016 - 11:11

    Accordo tra Angelucci ,Verdini e Renzi!Fanno fuori Belpietro e Mettono Feltri!In vista del Regerendum!Schierando il giornale x il SI!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog