Cerca

Il caso

La frana non basta, altro scandalo a Firenze: multa al super manager degli Uffizi

La frana non basta, altro scandalo a Firenze: multa al super manager degli Uffizi

Il Comune di Firenze contro gli Uffizi, uno dei più famosi musei del mondo. Non è una boutade, ma la paradossale vicenda che si è verificata ieri giovedì 26 maggio con tanto di multa (anche piuttosto salata) al direttore degli Uffizi, il tedesco Eike Schimdt. Oggetto del contendere, gli altoparlanti che il museo ha dislocato sotto il loggiato, da sempre affollato di turisti in fila, per avvertire del rischio bagarinaggio e fornire indicazioni su come acquistare il biglietto legalmente.

Risultato, riferisce Schmidt, una multa di 295 euro, consegnatagli dai vigili per una presunta violazione di un articolo del Codice della strada poiché "effettuava pubblicità fonica a mezzo altoparlanti posizionati sotto il loggiato degli Uffizi, privo della prescritta autorizzazione". Il direttore del museo in una nota ha annunciato che pagherà senza recriminare: "Invece di investire tempo ed energie per capire se abbiamo commesso un errore amministrativo nell'intraprendere la nostra iniziativa contro il bagarinaggio - afferma Schmidt - quel che conta è un'altra cosa: bisogna stare uniti nel combattere gli illeciti e nel difendere il nostro patrimonio culturale. Proprio stanotte ricordiamo con il Sindaco le cinque vittime dell'attentato di via dei Georgofili, episodio sanguinoso della recente storia fiorentina che ci ammonisce e ci rammenta quanto sia fondamentale far fronte comune a qualsiasi tipo di criminalità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelux1945

    27 Maggio 2016 - 18:06

    Invece di premiarlo lo multano, solo in Italia ed in una città amministrata da sempre dalla sinistra, poteva accadere una cosa del genere!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    27 Maggio 2016 - 16:04

    questo paese è governato da arroganti incapaci politici imitati da burocrati di strapazzo

    Report

    Rispondi

blog