Cerca

Botta e risposta

Amadori "spenna" Gabanelli, l'accusa che smonta Report: "La loro sconcertante mossa illegale"

Milena Gabanelli

Report ha messo nel mirino l'azienda Amadori, in Romagna, mostrando decine di topi nell'allevamento, flaconi di antibiotici vuoti, un dipendente che fa pipì dentro l'allevamento e amenità assortite. Un duro colpo d'immagine per l'azienda di pollami, sganciato domenica sera su Rai2 nella videoinchiesta di Sabrina Giannini. Si parlava dei batteri resistenti agli antibiotici e, quindi, degli antibiotici presenti nel cibo.

Poche ore dopo la messa in onda, però, Amadori ha replicato a Milena Gabanelli & co con una nota: "L'azienda è sconcertata per la visione assolutamente parziale e scorretta offerta dalla trasmissione rispetto al suo operato. La redazione di Report è entrata all’interno degli allevamenti illegalmente, senza autorizzazione, ha contattato la nostra azienda solo dopo essere già entrata nella proprietà privata: questa modalità di recupero di documentazione ci è sembrata fortemente scorretta e per questo abbiamo deciso di non rilasciare alcuna intervista”.

La giornalista Giannini, successivamente, ha precisato di aver chiesto di poter visitare alcune strutture della Amadori senza però ottenere l'autorizzazione. Inoltre ha parlato dei maltrattamenti subiti dagli animali: "Durante il recupero per il carico notturno verso il macello, gli addetti non usano buone maniere. Non sappiamo se questo sia consentito dal regolamento del cosiddetto benessere animale".

Amadori ha replicato anche su questo punto, spiegando che le immagini mostrate sono "vecchie" poiché "girate oltre 6 mesi fa, in una struttura datata compresa all’interno di un piano aziendale di ristrutturazione e che già oggi è completamente ristrutturata. Le riprese hanno in oggetto principalmente un locale isolato rispetto al resto della struttura, destinato al ricovero di animali che hanno manifestato dei problemi, come la legge prevede per ogni allevamento. Sono quindi immagini che non rappresentano in maniera veritiera il nostro sistema d’allevamento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zuma56

    01 Giugno 2016 - 08:08

    Quindi il problema non sono i topi e le altre schifezze varie ma le riprese illegali. Bene, vorrà dire che smetterò di guardare la Gabanelli e continuerò a mangiare prodotti Amadori. Come avrebbe detto il buon Totò : ma mi faccia il piacere !

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    01 Giugno 2016 - 07:07

    basta non comperare più prodotti da allevamenti amadori e comperare pollame che provviene da allevamenti rumeni ed albanesi o africani o vietramiti, così siamo sicurissimi che questi allevatori stranieri alimentano il bestiame con mangimi sani e trattano le bestie con amore e compassione.

    Report

    Rispondi

  • Knesset69

    31 Maggio 2016 - 21:09

    E' insultante perfino proporre un tale sondaggio.

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    31 Maggio 2016 - 20:08

    avessimo tanti giornalisti come la gabanelli chi sa quante altre porcherie verrebbero fuori. purtroppo la maggior parte dei giornali e dei " cronisti " si occupa di sport o cronaca nera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog