Cerca

La tragedia sfiorata

Veneto Banca, azionista disperato minaccia di uccidersi davanti al direttore

Veneto Banca

Ha perso qualcosa come due milioni di euro a causa della situazione di Veneto Banca. Disperato per la grossa perdita, un imprenditore 60enne di Montebelluna, azionista della filiale, stamattina si è presentato davanti al direttore generale nella sede centrale di Veneto Banca a Signoressa, nel trevigiano, con una fiala di presunto veleno in una mano e una siringa nell’altra. Lì ha minacciato di uccidersi davanti al direttore iniettandosi il contenuto della fiala. Solo l’immediato intervento dei carabinieri è riuscito a scongiurare il suicidio dell’uomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filen

    filen

    04 Giugno 2016 - 08:08

    La siringa la dovevi impiantargliela nel culo a chi ti ha fregato i soldi ma d altronde è anche colpa tua che ti sei fidato di quei ladroni patentati c è un vecchio detto che dice banche e assicurazioni sono truffe legalizzate

    Report

    Rispondi

  • nocomment

    03 Giugno 2016 - 18:06

    Con tutto il rispetto per quel signore truffato da quella banca di ladri, mi permetto di dire che ha sbagliato bersaglio, doveva far fuori il direttore, che sicuramente ha responsabilità gravissime sull'accaduto, e poi proseguire fino all'ex dirigenza partendo da consoli... invece che per avvocati i truffati di tutte queste banche dovrebbero prendere i responsabili direttamente casa per casa.

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      02 Luglio 2016 - 16:04

      Come non condividere!

      Report

      Rispondi

  • capitanuncino

    03 Giugno 2016 - 18:06

    ...Ed ora verrà sottoposto ad un TSO...Che gli farà ritornare in tasca i denari persi.LERCI.

    Report

    Rispondi

  • gescon

    03 Giugno 2016 - 17:05

    Governance, revisori, certificatori, vigilanza, direttori apicali, direttori periferici, funzionari disponibili ed appecorati, professionisti, a vario titolo tutti conniventi nella mala gestio dei danari altrui vanno inculati a sangue e senza pietà. Cioè usando della loro stessa indecente pietà usata nel momento nel quale consapevolmente derubavano persone ignare e fiduciose. Dio li stramaledica tutti.

    Report

    Rispondi

blog