Cerca

Anonima

Problemi in Rai, la lettera che fa tremare la Presidente Monica Maggioni

5
Monica Maggioni

Nell’edizione di oggi, il Tempo ha pubblicato la lettera integrale di un noto personaggio Rai, che ha chiesto di rimanere anonimo, e indirizzata alla Presidente della Rai Monica Maggioni. La lettera esordisce così: “Cara Presidente Maggioni, buffo rivolgermi così a te, ma sono passati anni da quando cucinavi per molti di noi nel tuo appartamentino del Rione Monti, il trolley sempre pronto per partire verso i teatri di guerra più lontani”. L’anonimo mittente, che fa intendere di conoscere bene la Maggioni fin dagli esordi nel giornalismo, ripercorre le tappe della carriera della giornalista e il successo come inviata di guerra: “Hai fatto scoprire agli italiani Assad, la tragedia della guerra, il freddo delle traversate notturne nel deserto, i cecchini appostati pronti a colpire e tu temeraria eri lì, a raccontare l'orrore. Sei stata davvero un sogno per i tanti direttori che hai incrociato sulla tua strada. Ma anche per i funzionari, per i redattori e gli operatori. Tutti eravamo incantati da te”.

“Poi hai smesso la «strada» e cominciato la tua ascesa al «cielo», ai piani di viale Mazzini - prosegue la lettera - terzo, sesto, fino, ora, al settimo, dove sei diventata, con l'ombroso Gubi una sorta di «ape regina». Sopraffatta dall'ambizione, quel mondo romano, melmoso e squallido che ruota attorno a Viale Mazzini ora non è più così brutto”. L’anonimo personaggio della Rai ricorda le tappe di Maggioni: corrispondente a New York, capo degli Esteri al Tg1, poi si è occupata dei talk show dei Tg1 con gli Speciali e Tv7. “Il capolavoro però l'hai compiuto quando sei riuscita a stregare il cupo Gubitosi, genio dei numeri ma incapace di capire la differenza tra un varietà e un documentario. Con il tuo tacco combattente sei riuscita a farlo «girare come una bambola», convincendolo a mettere in un angolo molti di noi che ti avevamo vezzeggiato e aiutato a costruire quel mostro che è stato Rainews24”. In quel momento, accusa lo scrivente, sono iniziate le “assunzioni e promozioni, a dir poco discrezionali”.

Infine, arriva il ruolo di Presidente della Rai, nell’agosto 2015. “Credevo che oggi, finalmente appagata, in qualità di Presidente tu potessi tornare la guerriera che ho conosciuto e di cui mamma Rai ha un disperato bisogno. Invece che fai? Accompagni questo malcapitato amministratore delegato verso una disfatta clamorosa assieme ai suoi super poteri - scrive l’anonimo - ora rinneghi tutto quello che hai fatto dicendo che i talk sono morti, che le troupe non devono essere personali, che i giornalisti vanno ridimensionati che i tecnici e gli operatori vanno sfoltiti a beneficio degli esterni per aggirare la burocrazia e il faro sempre più acceso di Raffaele Cantone. Dai Momi - è l’appello finale con cui si chiude la missiva - torna ad essere quella che eri: rimettiti l'elmetto e difendi tutti quelli che vengono massacrati che hanno fatto grande la nostra Azienda. A meno che questa, conoscendoti, non sia una tua strategia per prendere il posto (direbbe Dagospia) di Camposanto Dall'Orto”.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilfisico

    22 Settembre 2016 - 15:03

    La Maggioni é evidentemente una massona di ultima generazione. Oggi ha preso anche la presidenza della Trilaterale, vi suona conosciuta ad orecchio? No? Informatevi....

    Report

    Rispondi

  • giacomolovecch1

    05 Giugno 2016 - 11:11

    ...ormai il programma" Renzi" è presente a tutte le ore....menomale che esiste il telecomando...azionandolo...con immediatezza scompare il bullo e la vita continua....!

    Report

    Rispondi

  • marino43

    05 Giugno 2016 - 10:10

    Chi è la Sig.ra M.Maggioni lo sanno tutti ed in particolar modo i giornalisti, i capi rdattori, i direttori di giornali. Dalla descrizione si dimostra che è una tosta, che ha fatto davvero una bella CARRIERA. Questa missiva, volgarmente anonima(a quanto pare) mi sembra una lettera scritta da uno che è stato ultimamente defenestrato, rancoroso e incapace di fare carriera con la sua professionalità.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media