Cerca

In costa brava

Broker e amante russa morti sullo yacht. Sesso estremo e cocaina a bordo, è giallo

Broker e amante russa morti sullo yacht. Sesso estremo e cocaina a bordo, è giallo

Li hanno trovati morti sullo yacht in Costa Brava, in Spagna, Stefano Bertona, 46 anni, broker nautico di Torino ma residente a Genova, e Leyla Sultangareeva, russa di 28 anni, sua collaboratrice e fidanzata. Riporta il Secolo XIX che i due erano partiti da Genova il 28 maggio poi avevano fatto tappa in Francia e si erano infine diretti in Spagna. 

Al momento gli inquirenti escludono l'omicidio ma resta il mistero sulle precise cause della tragedia. Gli investigatori ipotizzano che a uccidere la coppia sia stata una inalazione di ossido di carbonio, ma non si può escludere che abbia contribuito anche un mix di droga e alcol consumato nel corso d'un gioco erotico estremo.

"Non ci sono segni di violenza e si stanno attendendo i risultati dell'autopsia, in particolare degli esami tossicologici, per chiarire definitivamente le cause", dicono gli investigatori. Il quotidiano Diari de Girona rivela invece che sullo yacht sono state trovate " significative quantità di cocaina", oltre a bevande alcoliche e oggetti erotici. A lanciare un primo allarme sono gli addetti del porto che riferiscono di un festino "molto vivace" a bordo durante la notte. Poi, una volta saliti, i soccorritori hanno trovato i corpi senza vita di Bertona e della compagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Garrotato

    11 Giugno 2016 - 09:09

    Ma sì, se la sono cercata, smettetela di occuparvene che è meglio anche per loro. Ahahah.

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    07 Giugno 2016 - 12:12

    è un mondo di depravati

    Report

    Rispondi

blog