Cerca

Delitto a Pordenone

Ex guardia giurata uccide l'ex fidanzata che lo aveva lasciato e poi si suicida

Ex guardia giurata uccide l'ex fidanzata che lo aveva lasciato e poi si suicida

Sono stati trovati senza vita sul pavimento della cucina nell’abitazione di lei a Spilimbergo, in provincia di Pordenone. Due ex fidanzati sono stati uccisi dai colpi dell’arma da fuoco di lui. La procura ipotizza che si tratti di un caso di omicidio-suicidio. Manuel Venier, ex guardia giurata di 37 anni, avrebbe ucciso Michela Baldo, 29 anni, dopo che lei lo aveva lasciato tre giorni fa.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo, che era tornato a vivere con i genitori, aveva ancora le chiavi della casa di lei, dove i due avevano precedentemente convissuto. Venier, ieri sera, avrebbe parcheggiato la sua macchina vicino, ma non davanti alla casa della ex, per non farsi notare dai genitori dei lei, che risiedono poco distante. Poi sarebbe entrato in casa usando le chiavi che aveva conservato e aspettato che Michela tornasse dal lavoro intorno alle 21.30. La donna è stata raggiunta e uccisa da quattro colpi di pistola. Venier avrebbe usato un cuscino per ammortizzare il rumore degli spari. Poi si sarebbe suicidato sparandosi due colpi con la stessa arma. La pistola, regolarmente detenuta dall’ex guardia giurata per il suo lavoro, è stata ritrovata sotto il corpo di lui.

Dopo essere stato lasciato, Venier aveva creato un gruppo su Whatsapp dal nome Addio, dove aveva cominciato a postare messaggi di sconforto e disperazione e faceva intuire la sua intenzione di suicidarsi. È stato proprio un amico dell'uomo, allarmato da questi messaggi ad avvisare i carabinieri. I militari sono andati prima a casa di Venier a Codroipo e hanno parlato con la madre, poi, dopo aver accertato che dall'abitazione era sparita la pistola di lui, gli agenti hanno immediatamente inviato una segnalazione alla stazione di Spilimbergo, dove risiedeva l’ex fidanzata. Nel frattempo, anche i genitori della donna avevano avvisato i carabinieri, preoccupati perché la giovane non rispondeva al telefono. Una pattuglia si è precipitata a casa di Michela Baldo, ma era già troppo tardi. Gli agenti hanno trovato i due corpi senza vita riversi sul pavimento della cucina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filen

    filen

    08 Giugno 2016 - 17:05

    Che testa di cazzo e per fortuna che sei morto perché purtroppo ogni tanto qualcuno sopravvive

    Report

    Rispondi

blog