Cerca

Agghiacciante

Minaccia la moglie con martello, acido e alcol: la donna fugge in metropolitana, salvata dagli addetti Atm

La fermata del metro di San Babila, a Milano

La fermata del metro di San Babila, a Milano

Martello, una bottiglia di acido e una di alcol. Così un uomo di 34 anni si è presentato sul luogo di lavoro della moglie a Milano. La donna, una 32 enne, si era da poco trasferita a casa di un'amica con i figli, di 8 e 12 anni, per dissidi di coppia. I due, originari del sud, si erano trasferiti a Milano nel 2013. Litigavano continuamente e la donna temeva che potesse succederle qualcosa di brutto. Così, ieri sera, quando Paolo C. ha raggiunto la moglie a Bande Nere, dove lei lavorava come addetta alle pulizie, e ha cominciato a minacciarla, la donna per calmarlo lo ha convinto ad andare insieme dai figli, prendendo la metropolitana. 

Ma durante il tragitto lui prima l'ha palpeggia con insistenza, poi l'ha aggredita. La donna, terrorizzata nel vedere che il marito aveva portato con sé un martello, una bottiglietta di acido e una di alcol, ha cercato di divincolarsi, temendo per la propria vita. Quando la metropolitana è arrivata a San Babila, la donna è riuscita a cogliere un'occasione per fuggire e si è precipita, in lacrime e disperata, nel gabbiotto degli addetti Atm, vicino ai tornelli. Sul posto sono intervenuti per primi gli agenti della Polmetro che hanno bloccato l'uomo.

Paolo C. è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e molestie sessuali. La donna è stata soccorsa e portata al Policlinico dove ha ricevuto una prognosi di 10 giorni per l'aggressione subita. Già altre volte negli anni scorsi, la 32enne aveva ricevuto aiuto e sostegno dalla parrocchia di San Luigi Gonzaga, dove era stata ospitata con la famiglia quando il coniuge aveva perso il lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Delta7

    09 Giugno 2016 - 18:06

    comunque in italia non ci sono i matrimoni combinati, quindi se uno si sposa con la persona sbagliata deve solo recitare il 'mea culpa' dal momento che il guaio l'ha combinato con il proprio agire.

    Report

    Rispondi

  • manuzzi

    09 Giugno 2016 - 15:03

    Quindi lo lasciamo libero ??? xchè in Italia nn si capisce niente di pene severe o no...Questo individuo dovrebbe essere accusato di tentato omicidio....pena da 10 a 15 anni da fare Giudici nn è che lo lasciate fuori e gli dite che deve stare a 3 kM dalla moglie e figli ???

    Report

    Rispondi

blog