Cerca

Parla Zangrillo

Berlusconi, i rischi dell'operazione al cuore: polmonite, emorragie e ictus. "Mortalità al 3%"

Berlusconi, i rischi dell'operazione al cuore: polmonite, emorragie e ictus. "Mortalità al 3%)

L'operazione di sostituzione della valvola aortica cui sarà sottoposto nei prossimi giorni Silvio Berlusconi "presenta un rischio generico di mortalità del 2-3%". Lo ha detto Alberto Zangrillo, medico personale dell'ex presidente del Consiglio, in un incontro con la stampa all'ospedale San Raffaele di Milano. Zangrillo ha sottolineato anche che i rischi sono inferiori nelle strutture di eccellenza come quella milanese. "Senza un intervento chirurgico la mortalità con questa patologia di almeno il 10% entro l'anno".
Tra le possibili complicanze dell'intervento, il medico ha indicato la polmonite, la mediastinite, le complicanze emorragiche e l'ictus. Al San Raffaele, ha però precisato, operazioni di questo tipo vengono svolte "quotidianamente" anche su pazienti di età avanzata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dodo1861int

    11 Giugno 2016 - 09:09

    il trapianto al cervello , no!

    Report

    Rispondi

  • pacon

    09 Giugno 2016 - 23:11

    Con il rischio del 3% non pensavo che ho rischiato di più operandomi di ernia discale. Quasi quasi mi faccio cambiare una valvola prima che si rovina.

    Report

    Rispondi

blog