Cerca

Una storia italiana

Si separa dalla moglie magistrato: via figli, stipendio e diritto al voto

Si separa dalla moglie magistrato: via figli, stipendio e diritto al voto

La separazione gli ha tolto tutto. Le due figlie, affidate formalmente agli assistenti sociali ma di fatto alla madre. Lo stipendio, tutto devoluto alla moglie per il mantenimento. La carta d’identità e il passaporto, per timore che possa abbandonare il Paese e sottrarsi agli obblighi proprio di mantenimento familiare. Perfino il diritto di voto - e però no, il perché di questo provvedimento non lo abbiamo capito neppure noi.

Giorgio - nome di fantasia - è un professore universitario alla Statale di Milano, e da tre anni vive in un incubo giuridico che non riesce a comprendere, nonostante sia un docente di diritto privato. O meglio, una spiegazione l’ha trovata, anche se poco tecnica: «Mia moglie è un magistrato in vista». Questo, secondo lui, avrebbe portato i colleghi della ex moglie a un accanimento nei suoi confronti operato con precisione chirurgica, utilizzando gli strumenti affilatissimi della legge. E così Giorgio, come raccontato in diverse puntate dal quotidiano Avvenire a distanza di mesi, al termine della separazione si è trovato una busta paga di soli 37 euro. Cifra che poi, paradosso, è addirittura scesa sotto zero, arrivando a -300. Il calcolo si spiega così: «Siccome mi è già stato pignorato un quinto dello stipendio e io ho dovuto cedere un altro quinto per poter pagare il mutuo sulla casa coniugale dove vivono mia moglie e le bimbe, lo stipendio è sceso a 1.087 euro - ha raccontato il professore -. Dopo di che, nel giugno 2015, è intervenuto nuovamente il giudice, che ha disposto la distrazione dello stipendio di altri 1.050 euro». Successivamente la quota è stata abbassata a mille euro ma sono rimasti i debiti pregressi, e poiché il suo stipendio è di 1.900 euro ecco, il risultato è proprio -300. Come dire: una vita in rosso, sempre.

Come se non bastasse, la moglie ha presentato istanza affinché gli venisse ritirato il passaporto in virtù di un presunto rischio di fuga all’estero - cosa piuttosto difficile per chi va avanti solo grazie all’aiuto dei genitori e della famiglia - ottenendo completa soddisfazione. Una limitazione importante, che gli impedisce di poter partecipare a concorsi pubblici. Quando Giorgio ha fatto richiesta al Tar, non solo ha incassato la sconfitta ma si è visto privare anche del diritto di voto che, come prevede l’articolo 48 della Costituzione, può essere limitato solo in tre casi: per sopravvenuta incapacità civile, per effetto di una sentenza penale irrevocabile, negli specifici casi di indegnità morale indicati dalla legge.

La storia è iniziata tre anni fa, quando il matrimonio è naufragato (pare) per l’arrivo nella vita della donna di un altro uomo. Cose che succedono. Sembrava potesse risolversi con un accordo tra le parti, ma alla seconda udienza l’armistizio si è trasformato in guerra piena. Dopo tre anni gli assistenti sociali a cui sono state affidate le sue bambine di 6 e 12 anni hanno deciso, andando contro la decisione del tribunale, che le figlie trascorrano l’estate al mare proprio a casa del nuovo partner della ex moglie. «In questo modo sponsorizzano di fatto l’alienazione genitoriale nei miei confronti», ha commentato il professore ad Avvenire. Di contro, gli assistenti sociali hanno motivato così la loro decisione: «Considerato che le bambine conoscono da anni il signor X e che hanno un buon rapporto con lui, e che la relazione tra la madre e il signor X è stabile e duratura, non si rilevano elementi di pregiudizio per le minori date dalla coabitazione con il compagno della madre». Gli stessi assistenti sociali che nel novembre scorso gli hanno anche impedito di battezzare le figlie. «Sembra incredibile, ne sono consapevole - ha raccontato il 43enne - ma mi hanno fatto capire di non insistere troppo perché potrebbero anche decidere l’affidamento delle mie figlie a una casa-famiglia. E a quel punto non le vedrei più. Ma come padre e come credente, l’impossibilità di impartire alla mia figlia più piccola il sacramento dell’iniziazione cristiana mi pesa sul cuore come un macigno. Non c’è nessuno che possa aiutarmi?».

di Salvatore Garzillo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudioarmc

    13 Giugno 2016 - 23:11

    Leggete le parole di Enzo Tortora

    Report

    Rispondi

  • nippur62

    13 Giugno 2016 - 17:05

    E' brutto dirlo, anche se questo è un caso limite , ma di questi casi ce ne sono veramente tanti purtroppo c'è solo una soluzione dimetterti non pagare il mutuo e rischiare la prigione. Auguri

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    13 Giugno 2016 - 14:02

    vorrei fare presente a questo ometto che i documenti falsi girano per l'italia e non solo . una carta d'identità costa poco e te ne vai . pensa che un marocchino arrivato in italia con barcone , ha fatto un passaporto falso e stupidamente è andato in australia dichiarando di essere italiano . ma gli australiani non sono idioti come in italia e lo hanno rispedito in marocco .

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    13 Giugno 2016 - 12:12

    Scusate ma in caso di separazione anche la moglie ha il dovere di mantenere il marito separato o sbaglio?

    Report

    Rispondi

    • nippur62

      13 Giugno 2016 - 17:05

      In teoria se il coniuge è più debole economicamente, ma considerato che lei probabilmente ha in carico i figli no. L'unica è licenziarsi purtroppo

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog