Cerca

La misura

Reddito di cittadinanza, al via la sperimentazione nei comuni di Livorno e Napoli

Reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza, il sussidio economico erogato regolarmente per consentire una vita minima dignitosa. In attesa che il disegno di legge, arenato in Parlamento, diventi realtà, alcuni comuni italiani hanno deciso di rendendolo operativo in via sperimentale. Aprifila è il comune di Livorno, governato da due anni dal sindaco M5S Filippo Nogarin, che ha adottato il provvedimento in via sperimentale per 6 mesi, ma con l’intenzione di renderlo strutturale a partire dal 2017. Per usufruire dei 500 euro al mese, occorre rientrare in determinati parametri: avere la residenza nel comune da almeno 5 anni, disoccupazione e iscrizione al locale centro per l'impiego, e un reddito familiare non superiore a 6.530 euro.

Anche la Napoli di Luigi De Magistris si sta adoperando per introdurre uno dei cavalli di battaglia del M5S, in seguito all'approvazione, nei giorni scorsi, di una delibera ad hoc. La sperimentazione inizierà a breve, dopo che saranno definiti gli importi annuali e i requisiti per accedervi, anche se il criterio base per usufruire della misura sarà possedere la residenza nel comune da almeno 24 mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    15 Giugno 2016 - 08:08

    togliamo a milano venezia ed altri comuni per donare ai poveri, ma se donassero anche i comuni delle regioni a statuto speciale tipo bolzano aosta palermo e cagliari e trieste, in uguale misura forse andrebbe bene, ma se solo napoli è a beneficiare dei finanziamenti dello stato, cioè di tutti, per foraggiare voti locali e per mantenere politici infami, non mi quadra.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    14 Giugno 2016 - 15:03

    Napoli puo' permettersi il reddito di cittadinanza?! Invece Milano, Torino, Venezia no, perchè non ci sono soldi. C'è qualcosa che non mi torna. (Magistris ha tuonato: siamo indipendenti. Bravo, e con quali soldi?)

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    14 Giugno 2016 - 14:02

    Piangendo miseria per i fondi che non hanno, questi qua che faranno? Taglieranno i servizi già infimi o aumenteranno le tasse già a livelli demenziali? Temo ambedue le cose per foraggiare inetti e parassitari scribacchini di schede elettorali. Esseri talmente stupidi da non rilevare che vengono considerati e comprati alla metà di quanto si pappano i clandestini in vacanza a nostre spese.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    14 Giugno 2016 - 11:11

    A Naboli lavorano fadicosamende davvero duddi, quindi è ggiusdo dare i soldi di giddadinanza. Gualguno del Nodde non vorrà che muoiano di fame, sbero.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog