Cerca

Siena

Suicidio a Mps, è giallo sulla morte di Rossi. Chi sono i due uomini ripresi nel video

Suicidio a Mps, è giallo sulla morte di Rossi. Chi sono i due uomini ripresi nel video

Saranno sentiti di nuovo i due uomini "già identificati" che si vedono nel video pubblicato dal New York Post in cui viene registrata la caduta di David Rossi, capo della comunicazione di Mps, dalla finestra del terzo piano del suo ufficio nel vicolo dietro la sede storica della banca a Rocca Salimbeni il 6 marzo 2013. Nel filmato si notano, poco dopo il dramma, due persone che si avvicinano, guardano il corpo a terra e, senza fretta, ritornano indietro. 

Lo comunica il procuratore della Repubblica di Siena, Salvatore Vitello, titolare del procedimento per la morte di David
Rossi, insieme al pm Fabio Gliozzi, subentrato ad Andrea Boni. La Procura mesi fa, infatti, ha riaperto le indagini sulla morte del funzionario della banca e ora precisa che il filmato che circola in rete "corrisponde a quello già all'epoca acquisito in atti". Inoltre si sottolinea che i due uomini ripresi "già nel corso delle primissime indagini furono sentite" come "persone informate sui fatti". "Gli stessi resero dichiarazioni perfettamente coincidenti con la loro presenza in loco quale emergente dalla ripresa video e uno di questi fu colui che provvide a chiedere l'intervento del 118". "Per definitiva conferma ed evitare ogni ulteriore illazione, nella nuova indagine in corso si è delegata la polizia giudiziaria a risentire le due persone già identificate".

Secondo il Fatto quotidiano si tratta di Giancarlo Filippone e Bernardo Mingrone. Il primo, che nel video è quello con piumino e berretto, è un collega e amico dell'ex responsabile della comunicazione di Mps. Era stato allertato dalla moglie di Rossi, Antonella Tognazzi, che non vedeva tornare a casa il marito. L'altro uomo, quello con il cappotto era all'epoca capo della vicedirezione generale finanza di Mps e oggi ai vertici di Unicredit. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mina2612

    17 Giugno 2016 - 14:02

    Che cosa aspettavano a divulgare la verità? Aspettavano che il tutto fosse stato insabbiato dalla prescrizione per salvare la testa dei Grandi Papaveri Comunisti? Insomma... il solito schifo rosso e che, malgrado che ogni giorno emerge un tassello nuovo, fa capire quale sia il Q.I. del PiDiota comune che non vuole uscire dalla melma.

    Report

    Rispondi

  • cavallo.pierluigi

    17 Giugno 2016 - 12:12

    BASTA !!!!!!!!! ma perchè non lo lasciate riposare in pace.

    Report

    Rispondi

    • mina2612

      17 Giugno 2016 - 14:02

      ...perchè è giusto, o meglio, SAREBBE GIUSTO CHE finalmente I RESPONSABILI PAGHINO PER L'OMICIDIO! O crede che i comunisti debbano essere sempre tutelati? Non bastano i farabutti impuniti che ci fanno morire lentamente a farla franca?

      Report

      Rispondi

blog