Cerca

In Toscana

Trentenne italiana violentata per tutta la notte da tre nordafricani

Trentenne italiana violentata per tutta la notte da tre nordafricani

Sequestrata, segregata e violentata  in un casolare della Valdichiana. Lo riferisce oggi il quotidiano ’La Nazione'. Nel mirino è finita una trentenne, ricoverata all'ospedale San Donato dopo aver passato forse un’intera notte di inferno, della quale i medici avrebbero trovato conferme dalla visita alla quale è stata sottoposta. La ragazza sarebbe stata attirata in trappola da tre giovani nordafricani, che probabilmente ha accettato di seguire senza immaginare a cosa andasse incontro. È stata prima rinchiusa nel casolare e poi violentata a turno. I tre sono ora ricercati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    18 Giugno 2016 - 15:03

    Si è fidata.E questo è stato un grosso errore da parte sua che le è costata la violenza sessuale.Distrutta nel corpo e nello spirito a vita,la prossima volta sarà più diffidente e preparata.

    Report

    Rispondi

  • nellomaceo

    18 Giugno 2016 - 14:02

    Che i musulmani violentano le donne non è una novità.Lo sanno tutti a cominciare dai nostri politici e dal nostro Presidente della Repubblica.Basta leggere la storia della seconda guerra mondiale e non si contano i nordafricani aggregati alla Francia che hanno violentato migliaia di donne italiane e anche un cospicuo numero di ragazzi maschi e giovani.C'è pure un film'La Ciociara' che testimo

    Report

    Rispondi

  • lallo1045

    18 Giugno 2016 - 13:01

    Indipendentemente dal aver accettato l'invito, LE RISORSE, PER NECESSITÀ VARIE ED EVENTUALI, DEVONO RIVOLGERSI ALLO SPONSOR CHE LI INVITA, leggi BOLDRINI, CHE DEVE PROVVEDERE ALLE LORO NECESSITÀ. Se non è in grado da sola, si procacci le AIUTANTI. Sicuramente tra PD e SEL, promotori della SOLIDARIETÀ, ne trova. L'ORDINAMENTO ITALIANO PREVEDE IL MASSIMO RISPETTO DELLA DONNA E DEI SUOI DESIDERI.

    Report

    Rispondi

blog