Cerca

Presa d'assalto

La passione di Christo, esordio da panico: treni in tilt, turisti nel panico

La passione di Christo, esordio da panico: treni in tilt, turisti nel panico

Un debutto pieno di successo ma anche di ansia per The Floating Piers, l'installazione dell'artista bulgaro Christo. Nel primo giorno di apertura due persone sono rimaste gravemente ferite, e questa mattina già dalle sette del mattino migliaia di persone hanno preso d'assalto l'opera con code per poter accedere alla passerella. Si sono poi registrati alcuni disagi a bordo dei treni di Trenord, già pieni fin dalle prime fermate dopo la stazione di Brescia.  A causa delle troppe presenze alla passerella di Christo sul lago di Iseo, la Prefettura di Brescia ha deciso di fermare le corse dei treni per almeno due ore. In tilt anche il servizio delle navette, che dai parcheggi sul territorio non ripartono in direzione Sulzano a causa delle troppe persone presenti.

I treni - Durante la mattinata rallentamenti hanno interessato alcuni treni in conseguenza dell’atto di sabotaggio sulla linea
compiuto da ignoti all’alba, prima dell’avvio del servizio. In seguito all’episodio si sono resi necessari provvedimenti di circolazione per il riequilibrio dell’orario, inevitabili in una linea a binario unico come la Brescia-Iseo-Edolo. Allo stesso modo, dalle ore 17 su disposizione delle autorità, per motivi di ordine pubblico e per la forte affluenza di viaggiatori i treni da Brescia non hanno effettuato fermata a Sulzano, per agevolare il deflusso delle persone. Per agevolare il massiccio afflusso di visitatori Trenord ha attivato anche un servizio aggiuntivo di bus, con capienza d 120 posti, in partenza dalla via antistante la stazione di Brescia. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • robertogirardi

    robertogirardi

    22 Giugno 2016 - 02:02

    Esiste un legame che tiene unite morale e Arte? Parrebbe da quanto si legge sulle pagine dei giornali, in questi giorni, che non sussista più alcuna dignità o realtà artistica, ognuno lavora per se stesso, per ritagliarsi una fetta di notorietà in barba a idee e convinzioni politiche, superando anche ostacoli che per molti comuni artisti sarebbero insormontabili. Ma al di la della politica, dovreb

    Report

    Rispondi

  • biologo72

    19 Giugno 2016 - 19:07

    il livello di sicurezza è pari a sottozero. Se qualcun scivola o fa qualche movimento sbagliato, finisce in acqua e rischia di annegare, non essendoci nessuna protezione laterale. La domanda è una sola: di chi è la responsabilità della sicurezza di questa "cosa"? Chiamarla opera d'arte è un insulto all'arte, tra l'altro, potremmo chiamarla attrazione da baraccone, ma talmente pericolos

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    19 Giugno 2016 - 17:05

    Mi dovrebbero pagare per andarci... e non poco!

    Report

    Rispondi

  • Armageddon1

    19 Giugno 2016 - 15:03

    Ma che cxxxo gliene frega di una passerella mobile / pontile del cxxxo su un lago (neanche dei più belli a voler vedere..)? "That's cool" generazione twitter, miliardi di imbecilli allovertheworld.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog