Cerca

Il caso

"Così Google ci ha danneggiati". Gli chiedono un milione di euro

Logo Google

Una pizzeria napoletana chiederà a Google "un milione di euro" per danni all'immagine e patrimoniali perché risultava sul motore di ricerca definitivamente chiusa. Spiega la vicenda l'avvocato Angelo Pisani: ad aprile scorso il titolare della pizzeria Brandi viene contattato da alcuni albergatori e clienti che gli chiedono quale sia la causa della "improvvisa chiusura definitiva" dello storico esercizio commerciale. Il titolare scopre così che da qualche tempo su Google la pizzeria risultava "chiusa definitivamente".

Una situazione "gravissima, durata almeno dal 25 aprile fino al 5 maggio quando, dopo i numerosi reclami dei gestori, l’errata informazione è stata finalmente cancellata, mentre ora resta da spiegare al pubblico la falsa notizia, sfruttata ad arte anche dalla concorrenza". Pisani, presidente di Noi Consumatori, annuncia l’azione legale "a tutela della web reputation del marchio Pizzeria Brandi" e chiede "anche al legislatore di pensare ad una nuova normativa a tutela delle persone che per errore o altro nel veloce mondo di internet possono essere spazzati via e distrutti senza un'idonea difesa e cautele".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog