Cerca

Carta canta

Italia fuori dall'Europa, il cavillo che cambia tutto: come possiamo liberarci

italexit

Da quando la Brexit è diventata realtà, già si comincia a parlare di riproporre lo stesso referendum in altri Paesi dell’Unione Europea. Ma in Italia sembra esserci un ostacolo invalicabile: l’articolo 75 della Costituzione dice espressamente che tra le materie escluse dal referendum consultivo c’è quella dei trattati internazionali. In realtà, spiega il costituzionalista Beniamino Caravita di Toritto, docente ordinario di Istituzioni di Diritto pubblico alla facoltà di Scienze politiche dell’Università della Sapienza di Roma, un modo per far passare la decisione di lasciare l’Ue attraverso la consultazione popolare c’è.

“Certamente non è possibile introdurre un referendum consultivo con legge ordinaria - ha spiegato in un’intervista a Il Giornale –. Tuttavia, nel 1989 c’è già stato un referendum consultivo proprio sull’Europa, perché i cittadini si pronunciassero sulla trasformazione della Comunità Europea in vera e propria Unione. Per introdurlo fu approvato in Parlamento una specifica legge Costituzionale, la numero 2 del 1989; il referendum fu svolto nel giugno di quell’anno e 29 milioni di italiani si espressero a favore di un aumento dei poteri dell’Europa”.

Secondo il costituzionalista, “il referendum che si è tenuto nel 1989, sulla base di una legge costituzionale, per rafforzare l’Unione, potrebbe essere introdotto oggi, con le stesse modalità, per uscirne”. Ma non sarà semplice. Infatti, l’iter per introdurre una legge costituzionale richiede due approvazioni da parte di entrambe le Camere a distanza di tre mesi. “vuol dire che se si partisse subito servirebbero non meno di 6 o 7 mesi per arrivare all’approvazione” conclude il professor Caravita di Toritto. Questo procedimento non subirebbe modifiche anche se la riforma costituzionale che porta il nome della ministra Boschi dovesse passare il referendum di ottobre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    25 Giugno 2016 - 21:09

    allora se ci vogliono 6 mesi che stiamo aspettando?? diamoci da fare, cominciamo a fare questa legge costituzionale e facciamo una europa con gli inglesi, non so perché ma mi danno più fiducia dei tedeschi.

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    25 Giugno 2016 - 17:05

    E voi pensate che lo zerbino bugiardino fiorentino volti le spalle ai banchieri e lobbisti vari??

    Report

    Rispondi

  • alessandro.maneggia

    25 Giugno 2016 - 14:02

    Molti italiani dicono di sentirsi europei allo stesso modo di come non si sono mai sentiti italiani, perchè effettivamente sono solo delle cacche. L'Europa non è altro che una espressione geografica e lo ha dimostrato, quindi si identificano in un'espressione geografica senza anima, senza sentimenti condivisi, senza nazione. Io la "nazione" l'ho capita al servizio militare che nn c'è più.

    Report

    Rispondi

    • Satanasso

      26 Giugno 2016 - 16:04

      Hai proprio ragione...purtroppo i tuoi avi del centro nord italia non hanno ragionato come tè e hanno invaso il Regno delle Due Sicilie che fino a 155 anni fa viveva in pace senza la necessita' di emigrare all'estero,in italia, per mangiare...

      Report

      Rispondi

    • er sola

      25 Giugno 2016 - 15:03

      E' vero, il servizio militare inculcava nei giovani sentimenti nazionali cosa che oggi non esistono più... guarda i centri sociali!!

      Report

      Rispondi

blog