Cerca

Revisioni storiche

Il Cavallo di Troia? Si sono sbagliati: ecco com'è andata davvero (cambia tutto)

Il Cavallo di Troia? Si sono sbagliati: ecco com'è andata davvero (cambia tutto)

Il Cavallo di Troia non era un cavallo di legno, bensì una speciale nave da guerra. L'archeologia navale arriva ora in soccorso dell'interpretazione del celebre episodio narrato da Omero nell'Iliade: i troiani non avrebbero introdotto dentro le mura delle città, in parte abbattendole, il mitico (e improbabile) quadrupede ma l'Hippos, una nave di tipo fenicio con la polena a testa di cavallo.

La sorprendente rivelazione, anticipa l'agenzia AdnKronos, arriva dai recenti studi dell'archeologo navale Francesco Tiboni, ricercatore dell'Università di Aix-en-Provence e Marsiglia, che pubblica i risultati della sua indagine sulla rivista Archeologia Viva  (Giunti editore). Un equivoco millenario di una traduzione di un termine ha impedito di conoscere in realtà il marchingegno che fu utilizzato per abbattere le mura di Troia, sostiene l'archeologo italiano che insegna in Francia.

Tiboni spiega che l'inganno ideato da Ulisse e allestito dagli Achei fu messo in atto per mezzo di "una nave, piuttosto che di un cavallo", perché l’Hippos va identificato con un vascello e non con un quadrupede. Ma come e quando la nave è diventata un cavallo? Intorno al VII secolo a. C. è nato l'equivoco, poi ingenerato successivamente anche da Virgilio che ne fu inconsapevole trasmettitore rispetto all'originale di Omero. "Dal punto di vista lessicale, appare evidente che l'apparizione del cavallo risulta legata a un errore di traduzione, un'imprecisione nella scelta del termine corrispondente che, modificando di fatto il contenuto della parola originaria, ha portato alla distorsione di un'intera vicenda", scrive Francesco Tiboni. "Se, infatti, esaminiamo i testi omerici, reintroducendo il significato originale di nave - certamente noto ai contemporanei - non solo non si modifica in alcun modo il significato della vicenda, ma l'inganno tende ad acquisire una dimensione meno surreale - spiega Tiboni -. È di certo più verosimile che una imbarcazione di grandi dimensioni possa celare al proprio interno dei soldati, e che loro possano uscire calandosi rapidamente da portelli chiaramente visibili sullo scafo e per nulla sospetti agli occhi di chi osserva". E appare più plausibile anche ipotizzare che una grande nave, di un tipo noto per essere solitamente utilizzato per pagare tributi, possa
essere non solo interpretata come un dono e un segno di resa, ma anche come un eventuale voto divino. È possibile che, nel corso dei secoli, essendo caduto in disuso il termine navale, l'identificazione dell’Hippos con uno scafo "non fosse più automatica", sottolinea l'archeologo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marioangelopace

    27 Giugno 2016 - 10:10

    le leggende aggiungono, tolgono, spostano...se non avessimo le cronache dell'epoca, che ne capiremmo di Carlo Magno dalla "Chanson de Roland" e magari dall'"orlando Furioso"?

    Report

    Rispondi

  • mapagolio

    27 Giugno 2016 - 09:09

    E' come i testi cosidetti sacri,errori su errori.

    Report

    Rispondi

  • lucyrrus

    27 Giugno 2016 - 08:08

    Domandina facile facile : perchè mai i troiani avrebbero dovuto portare una nave in città? Forse perchè pur conoscendo il greco erano scemi?

    Report

    Rispondi

  • me nono

    26 Giugno 2016 - 21:09

    Me toca tornar a squoa; gavemo imparà tuto sbaglià.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog