Cerca

A breve le sentenze

"Mi condannate? Sputtano il Vaticano". Minaccia-Chaouqui: "Ho un dossier..."

Francesca Immacolata Chaouqui

Processo Vatileaks. A breve sono attese le sentenze, forse già all'ora di pranzo: tra gli imputati i giornalisti Gianluigi Nuzzi, Emiliano Fittipaldi e la "papessa" Francesca Immacolata Chaouqui, che nelle aule del tribunale vaticano si è presentata col piccolo figlio, Pietro. Ed è proprio la Chaouqui che, nel cuore della notte appena trascorsa, ha affidato uno sfogo minaccioso a Facebook. "Non riesco a dormire... - premette -. Ho dato il latte a Pietrino, gli ho letto un pezzetto del libro che sto leggendo". E ancora: "Dovrei essere io a proteggerlo, ma è lui a darmi coraggio, forza, tenacia".

Francesca Immacolata, accusata di trafugamento e diffusione all'esterno di documenti riservati al Vaticano, nel suo messaggio sale poi di intensità: "Questa notte è l'ultima da persona libera. Da domani la condanna (scontata e sicura) cambierà il mio destino. Eppure non ho commesso quei reati. Sono innocente. Non ho più voce a forza di urlarlo", si difende. Dunque, la minaccia. Neppure velata: "L'archivio di Cosea, integrale, il rapporto sulla sicurezza dello stato, i report dei conti laici dello Ior, l'analisi degli appalti del governatorato, lettere e documenti, dossier sulle nunziature, riposano nella cassaforte accanto alla mia camera da letto. Domani potrei uscire dall'aula e consegnare tutto direttamente ai cronisti fuori dal Vaticano. Altro che Avarizia e  Via Crucis (i libri di Nuzzi e Fittipaldi, ndr) , ne verrebbe fuori davvero il libro nero delle finanze Vaticane".

La Chaouqui, dunque, minaccia di rivelare i fittissimi segreti dei soldi vaticani, e aggiunge: "Sarebbe la vendetta giusta per appagare la rabbia di una persona innocente...almeno la mia condanna avrebbe un senso". Poi, comunque, chiosa: "Invece non farò niente. Sono pronta al carcere se chiederanno l'esecuzione della sentenza. Perché tanto la vita me l'hanno già provata a distruggere facendomi rischiare di perdere il bimbo e sputtanandomi a mezzo stampa, certo non ho paura delle sbarre. Non ora che Pietro è nato e non può accadergli niente".

Di seguito, il post integrale della Chaouqui.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunom

    07 Luglio 2016 - 17:05

    Qui si va avanti a base di ricatti invece di dire la verita', come volevasi dimostrare.

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    07 Luglio 2016 - 16:04

    Se questo è l'intuito del Papa! Perchè è stato proprio lui a volerla in Vaticano. O forse l'ha scelta solo perchè marocchina.

    Report

    Rispondi

  • antonya

    07 Luglio 2016 - 16:04

    La verità, comunque, ti farà libera. E vai!

    Report

    Rispondi

  • ariete84

    07 Luglio 2016 - 15:03

    Ma che cos'ha sopra la testa? Serpenti?

    Report

    Rispondi

blog