Cerca

Omicidio a Fermo

Fratello del killer, frase agghiacciante: "Cosa fa Amedeo quando vede un nero"

Fratello del killer, frase agghiacciante: "Cosa fa Amedeo quando vede un nero"

Certe difese sono più dannose di un attacco. La è quella di Simone Mancini, il fratello di Amedeo, arrestato per aver ucciso l'immigrato di colore Emmanuel a Fermo, nelle Marche. Amedeo Mancini era un "allegrone", secondo il fratello. "Uno che se vede un negro gli tira le noccioline, ma lo fa per scherzare". E ancora: "Ha avuto una vita difficile, a trentanove anni non può nemmeno andare allo stadio: è diffidato". Tutte queste "geniali" esternazioni Simone le fa alla Stampa di Torino, che lo intervista.

"Mio fratello è sempre stato comunista: come fa a essere razzista se ha un amico del cuore maghrebino?. È generosissimo, diventa violento solo se lo vai a cercare", continua Simone Mancini. Quando la domanda riguarda l'insulto razzista che Amedeo avrebbe utilizzato contro Chimiary, la moglie di Emmanuel, il fratello Simone dichiara: "Boh, quei due potevano starsene. Mica li abbiamo chiamati noi in Italia. Gli immigrati rubano. Non è giusto che le leggi italiane li difendano. Noi dovremmo venire prima". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rintintin

    08 Luglio 2016 - 16:04

    ERA MEGLIO FINO AL 1938

    Report

    Rispondi

  • sergion49

    08 Luglio 2016 - 16:04

    Ma quale razzismo ! Il tutto è nato da una lite fra teste calde . La gente è esasperata , ne vedremmo di belle . Il tutto grazie ai sinistroidi che fomentano sempre più l'odio razziale . Occhio gente guardate come hanno montato il caso.

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    08 Luglio 2016 - 13:01

    La Nigeria è estesa 1 milione di km quadrati. Più del triplo dell'Italia. I terroristi di Boko Haram occupano meno di un terzo del territorio. I due nigeriani potevano trasferirsi nella restante parte del Paese (i due terzi) dove di terroristi non c'è nemmeno l'ombra. E invece no. Sono venuti in Italia per vivere a nostre spese. Troppo comodo, troppo semplice, troppo facile.

    Report

    Rispondi

    • bruno osti

      08 Luglio 2016 - 16:04

      loro sono venuti in Italia dopo essere stati massacrati dai Boko Aran ed aver perso un figlio per colpa loro. Lei è venuta in Italia per perfezionarsi in medicina; lui ancora non so ma potrebbe essere la stessa cosa. Anche i nostri ragazzi vanno all'estero, molte volte SOLO per studiare (a costo di qualcuno) e non lavorare. Perché loro si e i due nigeriani no? Perché sono neri, naturalmente!

      Report

      Rispondi

  • nordest

    08 Luglio 2016 - 12:12

    Sono convinto che tutti noi l'italiano quando vediamo un negro :in bici con le cuffie il telefono vestiti discretamente bene ,mi sapete dire a chi non gli viene male allo stomaco il sangue sulla testa il pelo d'oca ,sono convinto solo al Vaticano rimane indifferente o forse gli possono interessare i maschietti .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog