Cerca

Omicidio Emmanuel

Fermo, le parole choc del vescovo: "I veri disperati siamo noi"

Le parole del vescovo di Fermo fanno il giro del web dopo i funerali di Emmanuel, il profugo nigeriano ucciso da Amedeo Mancini. "Mi dà fastidio - esordisce l'arcivescovo Conti nell'omelia - quando i media definiscono" i migranti "disperati. Ma quando mai? Noi lo siamo, non loro. Noi rischiamo di uccidere la loro speranza. E' la divisione che uccide, non questo o quel fratello della comunità". "Il dolore chiede con forza un supplemento di vicinanza, di fraternità di dialogo. Anche tu", dice rivolto alla vedova di Emmanuel "perdona, perdona, perdona, perdona, perdona. Alimenta la speranza di chi approda tra noi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vangeloevita

    11 Luglio 2016 - 17:05

    Dopo la farsa della disgrazia di Fermo e l'ulteriore omertà e complicità dell'autorità ecclesiastica dinnanzi alla spudorata menzogna e la macchinazione lucrosa e politica di Don Vinicio, constatiamo ancora una volta con profonda delusione, che di credibile e santo c'è rimasto solo Dio, mentre della "Chiesa" c'è rimasta solo la facciata!!

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    11 Luglio 2016 - 12:12

    disperati come cattolici sì!con dei pessimi pastori come voi..!

    Report

    Rispondi

  • Elio De Bon

    11 Luglio 2016 - 11:11

    Prego sig. Vescovo....vada in Africa ad insegnare ai moretti che noi siamo i disperati...vada, vada, ci farebbe una grande cortesia. E si porti il suo sodale franceschiello.

    Report

    Rispondi

blog