Cerca

Strage in Puglia

"Ho alzato io la paletta ma...". La confessione disperata del capostazione

"Ho alzato io la paletta  ma...". La confessione disperata del capostazione

"In questa storia anche noi siamo delle vittime. Siamo disperati ma un solo errore non può aver causato tutto questo". Il capo stazione di Andria Vito Piccarreta fa mea culpa ma non vuole essere il capro espiatoria di questa tragedia. "Stiamo soffrendo, quelle immagini sono inaccettabili, tutto quel dolore, quello che è accaduto è incredibile. Ma non è pensabile dare la colpa di quello che è successo soltanto a un errore umano. Non è così", dice la moglie Lia a Repubblica.

Piccarreta ammette: "È vero quel treno non doveva partire. E quella paletta l'ho alzata io: non sapevo che da Corato stesse arrivando un altro treno per questo ho dato il via libera". Ai funzionari che stanno conducendo l'inchiesta interna ha cercato di spiegare che quella era stata una giornata complicata, i treni avevano accumulato ritardo e c'era stata l'aggiunta di un treno supplementare e dunque in quel lasso di tempo era previsto l'arrivo di tre treni e non dei soliti due: "È stata una giornata molto particolare. Ma quello che è successo è troppo". "So che ora se la prenderanno tutti quanti con noi", dice la moglie: "Mio marito è il capro espiatorio perfetto. Ma non è giusto: perché è un lavoratore serio, in questi anni ha fatto sempre e soltanto il suo dovere. Questa è una tragedia troppo grande per noi. È un lutto, abbiate rispetto del nostro dolore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elon

    14 Luglio 2016 - 18:06

    E' semplicemente assurdo che 2016 i treni abbiano ancora il via libera dall'uomo e non ci siano dei bloccaggi automatici. E' assurdo infine che tantissime tratte ferroviarie al sud siano a binario unico via non è possibile.

    Report

    Rispondi

  • Saramorfeo

    14 Luglio 2016 - 16:04

    Su Libero di oggi, pagina 5. Gentile signora Balsamo, 3000 sacche di sangue fanno circa 25 litri a testa per i 52 feriti. Dai! Non esageriamo!

    Report

    Rispondi

  • buonavolonta

    14 Luglio 2016 - 12:12

    non è semplice lo so ma prima di dare il via ci si informa con la stazione successiva che da o no il via libera..essendo semplice binario di treni ne puo contenere uno alla volta tra stazione e stazione gli altri fermi aspettano....

    Report

    Rispondi

  • CB73FS

    14 Luglio 2016 - 11:11

    Concordo! Non è ammissibile che una responsabilità così grossa sia lasciata nelle mani di una persona. Nel 2016 dove ogni aggeggio elettronico è ormai dotato di GPS è incredibile come non ci possa essere un sistema che blocchi questo tipo di fatalità. Ormai preveniamo incidenti automobilistici con 1ml di variabili e non si riesce a prevenire un incidente su una rotaia? Inammissibile!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog