Cerca

L'editore di La7

Urbano Cairo batte Bonomi e si prende Rcs

Urbano Cairo batte Bonomi e si prende Rcs

Urbano Cairo ha raggiunto il 48,82% del capitale di Rcs al termine dell’offerta pubblica di acquisto e scambio lanciata sul gruppo. La cordata di Andrea Bonomi, invece, risulterebbe titolare, tra le azioni già detenute e quelle apportate all’opa, del 37,7% di Rcs.

Solo nella giornata di oggi Urbano Cairo ha ottenuto in adesione alla sua offerta quasi 140 milioni di azioni Rcs, pari al 26,78% del capitale; nel complesso, gli sono stati consegnati 255 milioni di titoli (in partenza l’editore di La7 aveva il 4,7% di Rcs). Bonomi - che ha lanciato l’opa insieme a Mediobanca, Diego Della Valle, Unipolsai e Pirelli - ha ottenuto invece oggi l’8,1% di Rcs e, dall’inizio dell’opa, il 12,93% del capitale. A questo si somma il 22,6% del gruppo del Corriere della sera di cui gli storici azionisti erano già titolari e un 2,1% acquisito sul mercato. Nella giornata di oggi sono state inoltre revocate le adesioni all’opa Bonomi di 4,2 milioni di azioni Rcs, pari allo 0,8% del capitale.

"Dobbiamo cercare di cominciare a lavorare velocemente. Intanto abbiamo vinto questa partita, ma la vera vittoria non è questa. È quella da fare in azienda: un grande lavoro di sviluppo, di efficienza, di valorizzazione delle risorse". Lo ha detto Urbano Cairo, commentando il risultato della Opas su Rcs. "Io guardo i numeri, visto che sono il 48,8% di adesioni per noi contro il 37,7% di Bonomi. Mi sembra che ci sia una bella differenza", ha spiegato Cairo ai cronisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    16 Luglio 2016 - 12:12

    Cairo? Addio al Corriere della sera quotidiano più autorevole d'Italia. Già da tempo non lo è più, figurati ora con Urbano Cairo, a cui riesce bene solo TV-di-Più. Amen.

    Report

    Rispondi

blog