Cerca

Lo sfregio

David, ammazzato da un marocchino ubriaco a Terni: troppo "ricco", niente indennizzo

David, ammazzato da un marocchino ubriaco a Terni: troppo "ricco", niente indennizzo

Il loro figlio, David Raggi, è stato ammazzato da un immigrato marocchino ubriaco nel marzo 2015, fuori da un locale di Terni. Una morte orribile, colpito con un bicchiere di vetro. Il ragazzo, appena 27 anni, ha avuto la forza di chiedere ai soccorritori di salutare i genitori per l'ultima volta. Ora la sua famiglia, dopo il lutto, affronta la beffa: non avranno alcun indennizzo dallo Stato italiano, previsto dal fondo di garanzia per le vittime dei crimini intenzionali commessi da nullatenenti. La legge appena approvata recepisce una direttiva europea di 12 anni fa e fissa un tetto massimo di reddito di 11.500 euro: Raggi, che lavorava da un anno, percepiva uno stipendio di 13.500 euro e quindi sarebbe escluso dal fondo. La famiglia Raggi ha già annunciato ricorso contro una norma "contraria - ricorda l'avvocato Massimo Proietti - sia ai principi costituzionali interni ed europei".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog