Cerca

Il comunicato degli svedesi

"Quel prodotto non si può mangiare": panico all'Ikea, i sei prodotti ritirati

Panico all'Ikea, ritirati sei prodotti: ecco cosa rischiavano i clienti

Misure estreme all'Ikea: non saranno più venduti sei prodotti al cioccolato. “Non sono adatti alle persone allergiche o intolleranti alle mandorle e/o alle nocciole”, c'è scritto nel comunicato del gruppo di mobili svedesi.

Viene specificato che “il richiamo interessa tutti i mercati mondiali, qualunque sia il termine minimo di conservazione dei prodotti, indipendentemente dalle diverse leggi dei vari Paesi dove siamo presenti con i nostri punti vendita. La sicurezza e la qualità –  si legge nella nota della multinazionale specializzata nella vendita di mobili, arredamenti e oggettistica per la casa – sono le nostre priorità”.

“La presenza di mandorle e nocciole è stata rilevata frequentemente, e non solo occasionalmente, e ciò indica che i prodotti non sono adatti al consumo da parte delle persone allergiche o intolleranti a questi allergeni” viene precisato nella nota dell’azienda con sede legale principale a Leida, in Olanda. I prodotti “sono sicuri” per chi non è allergico o intollerante alle mandorle e/o alle nocciole, si aggiunge specificando che ad oggi Ikea non ha ricevuto nessuna segnalazione di reazioni allergiche causate dai sei prodotti al cioccolato a cui ora viene esteso il richiamo già in corso. I clienti che hanno acquistato i prodotti interessati dalla segnalazione potranno restituirli al mittente e ricevere il rimborso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    22 Ottobre 2016 - 09:09

    Visto che le intolleranze aumentano a dismisura ,tra poco moltissimi prodotti dovrebbero venir ritirati dal commercio. Non sarebbe meglio indicare chiaramente i componenti presenti e lasciare la responsabilità a chi li consuma?

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    22 Ottobre 2016 - 09:09

    Visto che le intolleranze aumentano a dismisura ,tra poco moltissimi prodotti dovrebbero venir ritirati dal commercio. Non sarebbe meglio indicare chiaramente i componenti presenti e lasciare la responsabilità a chi li consuma?

    Report

    Rispondi

blog