Cerca

La sentenza d'Appello

Rogo Thyssen, pena ridotta a 10 anni all'ad Espenhahan

A Torino riformato il primo grado: niente omicidio volontario con dolo, solo colposo. Le famiglie delle 7 vittime del 2007: "Vergogna, maledetti"

Rogo Thyssen, pena ridotta a 10 anni all'ad Espenhahan

 

Pena ridotta a 10 anni per Harald Espenhahnamministratore delegato della Thyssenkrupp, al processo di II grado per il rogo alla Thyssenkrupp di Torino in cui il  6 dicembre 2007 morirono 7 operai. Lo ha deciso la Corte d'Assise d'Appello di Torino, che ha riformato la sentenza di I grado che lo condannava a 16 anni e mezzo di reclusione e lo ha condannato a 10 anni per omicidio colposo, non confermando quindi la formula dell'omicidio volontario con dolo eventuale. Al termine della lettura della sentenza, le madri degli operai morti hanno urlato Vergogna, e poi Maledetti e Non c'è giustizia, sono morti inultilmente, prima di occupare l'aula in segno di protesta. Ridotte le pene anche per gli altri cinque imputati: sette anni a Gerald Piregnitz e Marco Pucci, otto anni e 6 mesi per Raffaele Salerno, 8 anni a Cosimo Cafueri e 9 anni di carcere per Daniele Moroni.

Guariniello: "Sentenza comunque storica" - "Al di là del riconoscimento del dolo resta una sentenza storica - commenta il pm Raffaele Guariniello dopo la lettura della sentenza -: quello che conta è che mai in Italia o nel mondo sono state date pene così alte per degli infortuni sul lavoro". "E' vero - ha aggiunto il magistrato, sostenitore dell'accusa -, l'aspetto storico legato al  dolo eventuale è venuto meno. Noi comunque porteremo avanti questa tesi". Guariniello tiene a sottolineare che in questa materia "non è mai stata erogata una pena così alta. E' un messaggio dato a tutti i giudici e anche ai datori di lavoro. E' stata riconosciuta la necessità di fare prevenzione - ha concluso - ed è comunque un grande messaggio dato alle imprese".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • davidking

    01 Marzo 2013 - 11:11

    @teomondo scrofalo. Garbato Signore, premessa la mia commossa solidarieta' alle famiglie delle vittime, di cui sono certo,almeno per i piu' intimi,nulla sara' piu' come prima, mi soffermo, dissentendo dalla Sua opinione, sul fatto che i magistrati non avrebbero responsabilta' circa faccenda, ma la stessa ricadrebbe sugli avvocati.....ma la sentenza e' prerogativa del giudice....in primo grado infatti la sentenza e' stata diversa.....Caro Signore quando ci renderemo conto che la magistratura e' la vera "casta" in Italia, e a cui nessuno riesce a far fronte, sara' troppo tardi. Ossequi a Lei e vicinanza ai familiari delle vittime.

    Report

    Rispondi

  • teomondo scrofalo

    01 Marzo 2013 - 08:08

    Gentile Signore, i Magistrati c'entrano poco o nulla, visto che applicano le Leggi. Si cambino le Leggi e cambieranno le sentenze. Veda, anni fa vidi morire attorno a me dei bravissimi ragazzi. Di 6 del mio gruppo che uscìrono dal corso, 5 morirono a causa di un mezzo inadeguato e difettoso, rifilatoci per superiori esigenze di politica internazionale, ma già pericoloso quando era sui tavoli da disegno. Eppure, nessuno pagò. Tutta la mia solidarietà e vicinanza ai famigliari dei caduti sul lavoro.

    Report

    Rispondi

  • arwen

    28 Febbraio 2013 - 19:07

    La magistratura è talmente impegnata a fare politica al posto dei politici che, messa alla prova dei fatti, non riesce più a garantire giustizia, equità e certezza. Forse sarebbe il caso che i magistrati, tutti, si ricordassero di quali sono i loro compiti. Compiti delicati ed importanti soprattutto in una democrazia avanzata. Che smettano dunque di fare la guerra ai politici, smettessero di farsi la guerra tra loro e comincino ad esercitare il loro mandato con coerenza, osservanza e rispetto per le vittime ed i loro parenti. E' inutile dire che i magistrati, oggi, hanno mancato profondamente, dimostrando che chi può permettersi avvocati a sei zeri riesce a piegare un sistema distratto. Chissà, se la Thyssenkrupp fosse stata di proprietà di mediaset oggi avremmo assistito ad un altro verdetto. Tutto questo è veramente triste, le vite di operai, di padri di famiglia svendute. Ma dove era il PD? Dove era Vendola? Erano a pastrocchiare in giro per l'Italia, dimentichi della gente vera.

    Report

    Rispondi

  • pisolobollente

    28 Febbraio 2013 - 15:03

    giudici siete la merda della societa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog