Cerca

Contro l'islam politico

Ora il Pd caccia la musulmana moderata. E lei li demolisce: "A loro piace..."

Ora il Pd caccia la musulmana moderata. E lei li demolisce: "A loro piace..."

Maryan Ismail è una di quelle politiche di religione musulmana che proprio nella comunità musulmana non gode di grandissima popolarità. Non piacciono le idee dell'antropologa somala, sarà perché quando l'ex sindaco di Milano ha pubblicato un bando per la costruzione di nuove moschee, lei si è opposta, pretendendo più trasparenza sull'origine dei soldi con cui sarebbero state costruite. L'hanno accusata di aspostasia, come racconta in un'intervista alla rivista Tempi rilanciata da il Giornale. E non le è andata meglio nel Pd, dove si era candidata come consigliere comunale a sostegno di Giuseppe Sala, ma poi preferita dal suo partito a un'altra musulmana, Sumaya Abdel Qader, leader della galassia dell'Unione comunità islamiche italiane e Caim.

Quando si è opposta al bando sulle moschee, il Pd l'ha quasi cacciata. Lei di fatto se ne sente fuori e con i consiglieri dell'opposizione Stefano Parisi e Matteo Forte ha dato vita al Forum delle idee e del confronto, uno spazio per dare voce ai musulmani che "non si riconoscono nell'islam politico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    04 Agosto 2016 - 10:10

    Un sindaco di fede komunista e se anche ateo non può prevaricare il pensiero della maggioranza dei cittadini che sono e saranno contrari alla costruzione di una moschea!! Nelle terre di religione musulmane non vi è la libertà di culto e costruzione di chiese cristiane. Alla pari qui in Italia già e tanto averne costruita una a Roma.

    Report

    Rispondi

  • wall

    04 Agosto 2016 - 10:10

    Ma quando un sindaco che rappresenta i cittadini "italiani" pensa di fare una moschea deve per primo chiedere il parere dei propri cittadini..e dopo si vedrà!. La costruzione di una mosche deve essere per prima approvata dai cittadini e poi dal Ministero degli Interni. Via il potere amministrativo del territorio alle regioni e dei sindaci komunisti approfittatori del loro mandato per colonizzare

    Report

    Rispondi

  • wall

    04 Agosto 2016 - 10:10

    Ma quando un sindaco che rappresenta i cittadini "italiani" pensa di fare una moschea deve per primo chiedere il parere dei propri cittadini..e dopo si vedrà!. La costruzione di una mosche deve essere per prima approvata dai cittadini e poi dal Ministero degli Interni. Via il potere amministrativo del territorio alle regioni e dei sindaci komunisti approfittatori del loro mandato per colonizzare

    Report

    Rispondi

  • traiano1958

    03 Agosto 2016 - 18:06

    e lei non è migliore di loro visto che se li è scelti per accomunanza ideologica!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog