Cerca

A un mese dalla condanna

Bossetti, nuova lettera-bomba. La furia dalla cella: che ha detto

Massimo Bossetti sbrocca in tribunale:

C'è tutta l'amarezza di Massimo Bossetti nella lettera scritta al settimanale Oggi, la prima dopo la condanna per l'omicidio di Yara Gambirasio. Dal carcere il muratore di Brembate di Sopra ha messo nero su bianco quel che sta provando a un mese dalla sentenza: "Sono deluso e amareggiato di fronte a tutta questa ingiustizia. Mi vergogno altamente di essere italiano, ma resto molto fiero di non aver venduto la mia innocenza".

Non è la sua prima lettera che il settimanale pubblica da quando è recluso nel carcere di Bergamo. Solo un mese fa, infatti, Bossetti aveva scritto alcune lettere destinate ai familiari della giovane ginnasta, nelle quali traspariva tutta la sua rassegnazione e senza tanti giri di parole anche la tentazione di volerla far finita.

Stavolta però Bossetti sembra aver recuperato il suo spirito combattivo, a cominciare dalla firma: "Vostro Guerriero Massy". Nel testo Bossetti ha poi aggiunto: "Abbraccerò e sosterrò con forza, dignità sempre a testa alta questa pesante e ingiusta mia croce e soprattutto non mollerò mai fino alla fine, ma la porterò con molto coraggio, quel coraggio che mai potrà mancare agli innocenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gcarlo19

    04 Ottobre 2016 - 22:10

    Doo la dichiarazione a priori di Alfano, non potevano far altro che condannarlo. Non credo alla sua colpevolezza, troppe falle nell'inchieta.

    Report

    Rispondi

  • gcarlo19

    04 Ottobre 2016 - 22:10

    Doo la dichiarazione a priori di Alfano, non potevano far altro che condannarlo. Non credo alla sua colpevolezza, troppe falle bell'inchieta.

    Report

    Rispondi

  • patriziabellini

    03 Agosto 2016 - 07:07

    Bossetti, la preghiamo, aspetti un secondo processo, ci risparmi intanto le sue verità che sono come quelle di tutta la sua famiglia

    Report

    Rispondi

  • gcarlo19

    02 Agosto 2016 - 22:10

    Alfano aveva il colpevole in tasca.

    Report

    Rispondi

blog