Cerca

Umiliata e percossa

Marocchino picchia la figlia in strada:
"Tu non diventerai mai come loro"

Padova, il padre aggredisce una 14enne perché lei voleva restare in centro con i compagni di classe. "Piuttosto vado in galera, ma non te lo faccio fare"

 

E' stata picchiata in strada dal padre marocchino. Il motivo? Voleva fermarsi in centro dopo uno sciopero scolastico. La storia arriva da Padova, dove una ragazzina di 14 anni è stata umiliata e percossa di fronte alle sue compagne di classe dal papà. Il tutto alla luce del sole, in strada. L'uomo è stato denunciato dai Carabinieri per lesioni volontarie aggravate, mentre la figlia, curata dai sanitari per trauma cranico e contusioni varie, è stata giudicata guardibile in tre giorni. 

"Mai come loro" - A scatenare la folle reazione del padre, riporta TgCom24, è stata una telefonata in cui la ragazzina spiegava al padre che sarebbe rimasta in giro con i suoi compagni. L'uomo l'ha raggiunta e picchiandola. Mentre la percuoteva avrebbe urlato: "Non diventerai mai come loro, non te lo permetterò. Vado in prigione ma non ti lascio fare quello che vuoi".

 

Padova, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    29 Settembre 2013 - 17:05

    Che tra un po Faccetta Nera e La piagnona a comando se ne vanno entrambe a casuccia.

    Report

    Rispondi

  • mab

    01 Marzo 2013 - 11:11

    Gentaglia da cacciare a calci nel culo nei deserti da cui sono venuti, esseri schifosi che sposano bambine di 12 anni e poi pregano a 90° il loro dio insultando e odiando chi INGIUSTAMENTE li accoglie, li sfama tutti i giorni.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    01 Marzo 2013 - 08:08

    Alla faccia delle anime belle che si beano della parola " integrazione". Come la Boldrin che ben ricordiamo, purtroppo , in occasione dell'invasione dei tunisini a Lampedusa, ora , se non sbaglio , senatrice nella lista di Sel.

    Report

    Rispondi

  • Fonzy

    28 Febbraio 2013 - 19:07

    ..... un nostro connazionale fu messo in gattabuia non so quanti giorni perché, mentre era turista in Svezia, aveva dato una specie di scappellotto al proprio bambino che faceva i capricci. Qui al magrebino manca poco che ci diamo la medaglia. Mi aspetto valanghe di dimostrazioni da parte di grilline, femministe, pariopportuniste, femen con tette al vento etc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog