Cerca

Le legge contro i nazivegani

Imponi la dieta vegana in casa? Arrestato. Così rischi fino a due anni in carcere

Imponi la dieta vegana in casa? Arrestato. Così rischi fino a due anni in carcere

Nulla da obiettare se la adottano gli adulti. Il problema (talvolta anche serio) nasce quando viene imposta ai minori se non ai bambini piccoli. La dieta Vegana fa discutere e pure il Parlamento se ne occupa con una proposta di legge, presentata dalla deputata di Fi Elvira Savino, il cui intento è impedire ai genitori ’radicalizzatì di imporre ai figli un’alimentazione troppo restrittiva e priva di quegli elementi nutritivi essenziali a una corretta crescita e a un adeguato sviluppo fisico e cognitivo. Certo la pdl firmata dalla deputata azzurra, affronta quegli eccessi, segnalati dalle associazioni dei pediatri che, non di rado, hanno addirittura chiamato in causa il giudice, costretto a intervenire sui genitori per ripristinare, a colpi di sentenza, un’alimentazione equilibrata e completa. "Ormai da anni e, in modo particolare, nell’ultimo decennio - scrive la Savino nella premessa alla pdl - si è andata diffondendo in Italia la credenza che una dieta vegetariana, anche nella sua espressione più rigida della dieta vegana, apporti cospicui benefìci alla salute dell’individuo".

"Nulla v’è da obiettare - prosegue la Savino - se chi sceglie questo stile alimentare è un adulto, consapevole e capace di auto determinarsi comprendendo le conseguenze delle proprie azioni e assumendone la responsabilità. Il problema sorge, tuttavia, quando a essere coinvolti sono i minori". "Molte volte - assicura la deputata di Fi - infatti, soprattutto ai figli di genitori che seguono diete vegane o vegetariane, viene imposta a minori un’alimentazione che esclude categoricamente e imprudentemente alimenti di origine animale e loro derivati". Per adolescenti e bambini, precisa Savino, l’alimentazione vegana o vegetariana, "è carente di zinco, ferro tipo eme (contenuto in carne e pesce), vitamina D, vitamina B12 e omega-3", tutte necessarie per un corretto sviluppo. Non va dimenticato che la Costituzione impone ai genitori di mantenere i figli e di tutelarne la salute. Pertanto, partendo proprio dal dettato costituzionale, la pdl ha il fine di "stigmatizzare definitivamente le condotte alimentari incaute e pericolose imposte dai genitori, o da chi ne eserciti le funzioni, a danno dei minori di età".

Si introduce pertanto una "disposizione penale speciale" con la modifica dell’articolo 572 del codice penale che punisce chiunque "impone o adotta nei confronti di un minore degli anni sedici, sottoposto alla sua responsabilità genitoriale o a lui affidato per ragione di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, una dieta alimentare priva di elementi essenziali per la crescita sana ed equilibrata del minore stesso è punito con la reclusione fino a un anno". Ma se dal fatto "deriva al minore una malattia o una lesione personale permanente, la pena è della reclusione da due anni e sei mesi a quattro anni" e se infine ne consegue la morte "la pena è della reclusione da quattro a sei anni". Le pene vengono aumentate di dodici mesi qualora le condotte ivi sanzionate siano adottate nei confronti di minori di anni tre

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cosimo.sgura

    08 Agosto 2016 - 15:03

    Era ora. Finiamola di essere schiavi delle mode.Le esagerazioni fanno sempre male.Ma come, fino a poco fa si parlava entusiasticamente di dieta mediterranea e ora grazie anche all'estremismo animalista la vogliamo bandire dalle nostre tavole? Di tutto un po' sempre e alla larga da questi fissati stupidi modaioli conformisti.

    Report

    Rispondi

blog