Cerca

La polemica

Indiano cerca di rapire una bimba in spiaggia a Ragusa: arrestato, ma è già libero

Cerca di rapire una bimba in spiaggia: indiano arrestato, ma è già libero.  Ecco cos'hanno deciso i giudici

E'già stato rilasciato Ram Lubhaya, l'indiano che aveva tentato di rapire una bambina di cinque anni sulla spiaggia di Scoglitti, in provincia di Ragusa. Clandestino, senza fissa dimora, con precedenti per droga, l'uomo era già stato espulso dal territorio nazionale ma non se n'è mai andato, rimanendo in Italia a delinquere.

La vicenda, riportata dal Giornale, ha dell'incredibile. L'uomo si era avvicinato alla bambina con fare amichevole e, approfittando di un attimo di distrazione dei genitori, l'aveva presa con sè, cercando di allontanarsi dalla spiaggia. Ma è stato immediatamente inseguito, bloccato e consegnato alle forze dell'ordine. L'uomo, un quarantatreenne di origini indiane, è stato arrestato con l'accusa di sequestro di persona aggravato ma immediatamente rilasciato: l'udienza di convalida è stata infatti rinviata a data da definirsi, e nel frattempo Lubhaya rimane indagato a piede libero. Cresce, nel frattempo, l'indignazione del popolo del web che vorrebbe che l'uomo fosse assicurato alla giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionefi

    22 Agosto 2016 - 08:08

    In ogni caso visto il paese in cui viviamo è già tanto che i giudici non abbiano affidato la bambina all'indiano per vizio di forma procedurale!!!!

    Report

    Rispondi

  • claudionefi

    22 Agosto 2016 - 08:08

    Che Strano, ma non erano famosi i siciliani per sistemare queste cose a modo loro... Chissà cosa avrebbero fatto i nonni o meglio i bisnonni della bambina all'indiano immigrato abusivo!!!!

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    22 Agosto 2016 - 08:08

    bella questa interpretazione del mancato consumo del rapimento, spero che si applichi presto a tutto, mancato consumo per gli stupri, con richiesta danni del presunto stupratore se non riesce a venire durante, mancato consumo di rapine, truffe, delitti e quant'altro si possa aggiungere.non è che il console indiano ha pagato il giudice per rilasciare il suo cittadino, mi sa di si! che senso avrebbe

    Report

    Rispondi

  • Angeli1951

    20 Agosto 2016 - 14:02

    Fosse stato un "indigeno" di Fermo sarebbe in galera. Poi, di clandestini criminali colti in flagrante e subito lasciati a piede libero a delinquere impunemente ne sono piene le cronache di tutti i quotidiani. Dimostrazione di quanto vale l'irresponsabile (non paga mai) casta giudiziaria.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog