Cerca

Segnali di cambiamento in Europa

Mario Giordano: c'è voglia di combattere l'integralismo islamico

Mario Giordano: c'è voglia di combattere l'integralismo islamico

Caro Mario nonché Giordano, ho letto l' articolo e la risposta che ha dato ieri al lettore Prando e mi trova d' accordo ma la mia domanda è: lei risponde nel finale che ci sono due strade e la preferibile è la seconda che io ripeto condivido pienamente ma il dubbio è che la pensiamo così lei io e pochi altri non certo i così detti politici; sa essere pusillanimi e codardi nella vita di tutti i giorni ci permette di essere qui ad interloquire e non al fresco di un qualsiasi cimitero... Attendo con ansia e rispetto la sua risposta...

Franco Menici - Sansepolcro (Ar)

Moderi l' ansia, caro Franco, e cerchi di essere un po' più chiaro nelle sue esposizioni. Non è detto che tutti abbiano letto la lettera di Luciano Prando di un paio di giorni fa e, soprattutto, non tutti sono tenuti a ricordare quali erano le due strade che indicavo. In sostanza, rispondendo a una domanda sul burkini dicevo che l' Europa deve interrogarsi seriamente se vuole dialogare con quell' Islam che umilia e sottomette le donne o se invece vuole combatterlo. Mi pare infatti, e lo ribadisco, che nella sostanza il divieto di burkini abbia pochi effetti pratici, ma che sia un importante segnale culturale per chi vuole dire no agli islamici che ci hanno dichiarato guerra (e quelli che impongono alle donne il burkini sicuramente ci hanno dichiarato guerra perché non sono integrabili con la civiltà occidentale).

Ora lei dice che siamo in pochi a pensarla così. Forse è anche vero. Ma proprio per questo ho salutato con gioia quel provvedimento da parte di alcune amministrazioni comunali francesi: perché si tratta di un atto pubblico, di un' ordinanza immediatamente esecutiva, una presa di posizione netta da parte dei sindaci nei loro pieni poteri. E il fatto che i medesimi ora si oppongano alla sospensione dell' ordinanza da parte del Consiglio di Stato francese (filo-islamico pure quello?) è una piccola luce nella buia notte dell' Occidente: c' è qualcuno che ha voglia di lottare. E non soltanto fra noi poveri scribacchini o voi poveri lettori: c' è qualcuno che ha voglia di lottare quando si siede sulle poltrone che contano e dove quelle decisioni si possono prendere davvero. Dicono: ma il sindaco di Cannes dice no all' Islam solo per prendere voti. E io rispondo: perfetto. Meno male. È quello che ci vuole. Forse i politici si cominciano davvero a rendersi conto che non siamo solo due gatti a pensarla così. Ciò mi dà forza per continuare la battaglia delle idee con ancor più forza, e spero che lo stesso effetto faccia a lei e a tutti i lettori (con o senza ansia).

Mario Giordano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bolinastretta

    29 Agosto 2016 - 16:04

    Gescom- mi permetta, Nick2 è solo un provocatoruncolo da cazzeggio del web,, non risponde mai argomantando ma solo o insultando o accusando la sue, per lo più sono scemenze da ragazzino (che forse peggio non é più), impaurito... Dia retta, eviti di mischiarsi e di mettersi al suo livello, con tutta la sua buona volontà... non le riuscirà mai battere il campione di scorregge nello spaziodi nick2!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    29 Agosto 2016 - 14:02

    Adesso Gescon si permette di vietarmi di replicare ai suoi post. Non c’entra un cazzo se ci sono donne più o meno capaci in posizioni di primo piano. Volevo solo farti capire che la donna in Italia è rispettata e tutelata grazie a lotte di decenni da voi sempre osteggiate e irrise. Le islamiche sono succubi degli uomini, ma voi siete i meno indicati per magnificare i diritti delle nostre donne…

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    29 Agosto 2016 - 12:12

    Egregio Direttore, sarò sintetico. Il versetto 33, 59 recita: “O Profeta, di' alle tue spose, alle tue figlie e alle donne dei credenti di coprirsi dei loro veli, così da essere riconosciute e NON ESSERE MOLESTATE." Ovviamente "non essere molestate" dai maomettani, il che significa che, volendo, le donne che si vestono alla "maomettana" possono essere molestate dai non maomettani. Esagero? forse.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    29 Agosto 2016 - 12:12

    1/2 Gescon, non prendiamoci per il culo. Della tutela e del rispetto delle donne, ve ne siete sempre strafregati. Voi fascisti ultrasettantenni siete quelli che fino a qualche anno fa dicevate: “E’ stata violentata? Faceva a meno di andare in minigonna a provocare, perché l’uomo è uomo”; “Cosa vogliono ottenere queste femministe puttane, stiano a casa a fare la calza”;

    Report

    Rispondi

    • gescon

      29 Agosto 2016 - 12:12

      Non intendo e non ho mai preso in giro il prossimo. Non ammetto che la scarna difesa d'ufficio tenti di girare le frittate. Sintetizzo non tanto per lei, sarebbe inutile, ma per chi legge che l'islam tratta le donne solo come strumento per la riproduzione. Ne sia prova il fatto che vengono promesse 72 vergini perché si trastullino i loro "martiri". Proprio bravi !! Di contro ribadisco che da noi, che ci amministra ci sono uomini e donne variamente e diversamente capaci. Molto spesso del tutto incapaci. Statisticamente parlando, per me che non appartengo ad alcuna fazione politica, ho notato che sono perlopiù di area comunista. Inutile ogni sua faziosa replica, leggerò volentieri il commento di altri. Cordialmente

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog