Cerca

Scoppia la protesta

I terremotati di Amatrice contro Renzi: "No ai funerali a Rieti"

I terremotati di Amatrice contro Renzi: "No ai funerali a Rieti"

scoppia il caso-funerali delle vittime del terremoto. E per Renzi, che fino qui era miracolosamente riuscito a tenere basso il volume delle polemiche e delle proteste, la protesta rischia di essere una vera e propria bomba. I fatti: la prefettura aveva annunciato nelle scorse ore che le esequie di un centinaio di morti trovati sotto le macerie di Amatrice. Le loro salme erano già state trasportate a Rieti, in un hangar dell'aeroporto della cittadina laziale, per essere conservate in un ambiente refrigerato. Poi l'annuncio che, per questioni logistiche, il rito funebre si sarebbe svolto lì e non ad Amatrice.

Apriti cielo. In paese è scoppiata la protesta, con decine di cittadini che hanno preso d'assedio la sede locale della protezione civile. "I nostri morti noi li vogliamo qui. Vogliamo salutarli nel nostro paese, non in hangar". E ancora: "Già ce li hanno portati via, che non abbiamo nemmeno potuto stringerli e salutarli un'ultima volta. Ora pure i funerali lontano da casa". E poi: "«Noi siamo del posto, ci hanno preso in giro - accusano - Non ci servono i funerali, la pubblicità vogliamo i nostri morti vicino a noi". Cioè, anche: basta passerelle dei politici, siamo stufi.

Tempo qualche minuto e il premier, che aveva subodorato puzza di contestazione, ha annunciato con un twitter che "i funerali saranno celebrati ad Amatrice, come è giusto che sia". La data delle esequie è stata confermata per domani, martedì 30 agosto, alle ore 18 alla presenza, oltre che di Renzi, anche del capo dello Stato Sergio Mattarella.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    30 Agosto 2016 - 13:01

    Triste vedere questi figuri (e sia chiaro x tutti nn ne faccio una questione di appartenenza politica, xchè x questi tizi ciò nn ha alcuna importanza) che si aggiravano tra le bare e i familiari affranti circondati dalle guardie del corpo. Di cosa avevano paura? Solo la solita ostentazione di potere! Sono venuti x dovere e sono subito volati verso i loro castelli. Il resto è fuffa x la plebe....

    Report

    Rispondi

  • nick2

    30 Agosto 2016 - 11:11

    Avete oltrepassato ogni limite! Anche i banana hanno capito che siete dei buffoni. Siete ormai alle comiche finali...

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    30 Agosto 2016 - 10:10

    4 la coldrini ?? no perche' dono iyaliani e non meritanoniente ,fossero stati africani o islamici ci sarebbe andata di corsa oer dire qualche cazzata ,

    Report

    Rispondi

  • nick2

    30 Agosto 2016 - 10:10

    Prima vi lamentavate perché i terremotati non venivano trasferiti negli alberghi, ora vi lamentate perché verranno trasferiti negli alberghi. Nel 2009 avete esaltato Berlusconi perché aveva consegnato alcune unità abitative dopo 5 mesi dal sisma, ora sostenete che tre mesi siano troppi per allestire 700 minichalet. Un po’ di coerenza, per favore!

    Report

    Rispondi

    • silvano_agg

      31 Agosto 2016 - 14:02

      Fatti, fatti non parole, basterebbe copiare: Il Friuli insegna, i friulani hanno allontanato al massimo la politica nazionale, hanno autogestito la costruzione delle singole proprietà, indebitandosi, spendendo tutto quello che era nelle loro personali capacità/possibilità (caso per caso) ricavando da una TRAGEDIA una opportunità di sviluppo. Visitate oggi Gemona e Paesi limitrofi, solo toccando con mano potrete giudicare. Fatti senza tante parole. N.B. La priorità è stata data alle attività lavorative. Il lavoro per poter vivere con orgoglio.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog