Cerca

Al fotofinish

Omicidio Scazzi, l'ultimo colpo di scena. Sabrina Misseri libera? La mossa dei giudici

Ma quale ergastolo, Sabrina Misseri lascia la cella. Così torna a casa grazie al giudice

Sabrina Misseri non lascerà il carcere dove è rinchiusa per la doppia condanna all'ergastolo dopo l'omicidio di sua cugina, Sarah Scazzi. La sezione distaccata di Taranto della Corte d'Assise d'appello di Lecce ha depositato le motivazioni dell'ultima sentenza del 24 luglio 2015. Ci sono voluti circa 13 mesi d'attesa perché le parti potessero accedere alle 1277 pagine nella quali sono riportare le motivazioni della condanna. Un'attesa che sembrava non dovesse finire e che aveva scatenato l'allarme dell'avvocato difensore della Misseri, Franco Coppi.

Come riportato da Libero lo scorso 12 agosto, dal ministero della Giustizia erano stati inviati "accertamenti preliminari per capire se ci siano state negligenze e ritardi". Il timore sollevato anche dalla difesa era che dal prossimo 15 ottobre Sabrina Misseri avrebbe potuto lasciare la casa circondariale di Taranto, visto che non sarebbe stato possibile entro le scadenze stabilite dalla legge se la detenuta in attesa di giudizio definitivo, quello della Cassazione, fosse colpevole o innocente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Karl Oscar

    30 Agosto 2016 - 14:02

    1277 pagine per motivare la sentenza dopo 13 mesi?! a me invece Sembrerebbe più un necrologio della giustizia e di certa magistratura

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    30 Agosto 2016 - 07:07

    1277 pagine di motivazioni? Credo che Einstein ne abbia scritte molte meno per motivare le sue teorie. A mio avviso, avendo le idee chiare, in mezza paginetta avrei giustificato congruamente qualsiasi decisione.Certo che, con idee confuse, forse avrei scritto di più, per sostenere ipotesi vacillanti, che però potrebbero interpretarsi secondo comodità.

    Report

    Rispondi

  • libero14

    29 Agosto 2016 - 21:09

    Quando rilasciano criminali con giudizi cervellotici, dicono che si attengono strettamente alla legge . . . come quando impiegano 13 mesi per depositare le motivazioni di una sentenza.

    Report

    Rispondi

  • angelux1945

    29 Agosto 2016 - 20:08

    Se ce ne fosse bisogno, ecco la prova lampante che la giustizia uguale per tutti in Italia, è una favola!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog