Cerca

Parla il geometra dei lavori

Il giallo della scuola antisismica crollata. Perché quel pezzo è rimasto in piedi

Scuola crollata ad Amatrice, l'accusa pesantissima: "Chi c'è dietro la ristrutturazione"

La polemica sui presunti lavori di adeguamento antisismico alla scuola Romolo Capranica di Amatrice, crollata dopo il terremoto del 24 agosto scorso, sta divampando da quel terribile giorno. Stavolta a parlare è il geometra Gianfranco Truffarelli, che si è occupato dei lavori nel 2012 per quella scuola come titolare della ditta Edilqualità. In un'intervista al Messaggero chiarisce che la vicenda dietro quella struttura crollata non è stata chiarita del tutto: "di adeguamento sismico - ha detto - non si è mai parlato". Di sprechi dei fondi, il geometra non ne vuol neanche sentir parlare, perché i soldi messi a disposizione della sua ditta sono serviti per: "rifare gli impianti di riscaldamento, la messa a norma delle finestre, l'adeguamento antincendio, rifatti i pavimenti e i bagni". Oltre a questi interventi indispensabili, il geometra ha ricordato anche che la parte minore di un finanziamento di 700 mila euro sono andati impiegati per l'adeguamento antisismico: "I due lati della 'U' - ha aggiunto - che sono quelle dove ho fatto il miglioramento antisismico sono rimaste in piedi, ringraziando Dio". L'edificio principale, cioè quello crollato, "non era tra gli incarichi messi a gara". E anche se lo fosse stato, secondo il geometra: "Con 700 mila euro difficilmente si poteva fare l'adeguamento sismico di tutta la struttura".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquineddu

    31 Agosto 2016 - 13:01

    x@arti pecam &co. - komizi, è tanto semplice che non è alla vostra portata! webwiti di faccialibro- l'esempio di mio figlio voleva solo dimostrare una cosa: lui non può,per legge e/o etica,cambiare nemmeno una presa in una casa se trova un impianto NON a norma! - diventerebbe responsabile di tutto quello che potrebbe accadere lì! le norme? ekkessono? siamo TALIANI !! furbetti, ma taliani!!

    Report

    Rispondi

  • Armageddon1

    31 Agosto 2016 - 08:08

    "di adeguamento sismico - ha detto - non si è mai parlato..." E POI.. " "I due lati della 'U' - ha aggiunto - che sono quelle dove ho fatto il miglioramento antisismico sono rimaste in piedi, ringraziando Dio".. Articolo confuso e fuorviante.

    Report

    Rispondi

  • pasquineddu

    30 Agosto 2016 - 18:06

    %% purtroppo la gente anche se sa di non essere in regola, cerca sempre di scansare le normative, e chi deve poi rilasciare certificazioni o altro, viene messo in difficoltà. Per tornare alla scuola, ho sentito un ing. sismologo che sostiene che l'intervento primario in quell'edificio fatto ad 'u' era quello di chiudere quei tre lati con un cordolo interrato ! come dire... semplice watson!!

    Report

    Rispondi

  • pasquineddu

    30 Agosto 2016 - 18:06

    quindi, sarebbero stati pappati centinaia di migliaia di euro senza la MESSA IN SICUREZZA di un edificio IMPORTANTISSIMO!! Chi mette mani nelle ristrutturazioni ha l'obbligo dell'adeguamento alle norme recenti!! Quindi signor eccellenza dott ing rag geom ecc., mi auguro che la magis-trattura le rom.pa lo koolo!! Mio figlio lavora nel campo elettrico civile, sa quanti lavori si rifiuta di fare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog