Cerca

Tragedia

Stroncata dalla leucemia: muore a 18 anni perché i genitori dicono no alla chemio

Stroncata dalla leucemia: muore a 18 anni perchè i genitori dicono no alla chemio

Eleonora avrebbe potuto salvarsi. E invece la leucemia che aveva deciso di combattere con la medicina alternativa l'ha stroncata a solo 18 anni. E' la storia tragica di Eleonora Bottaro, che dopo nove mesi di malattia, è morta a metà agosto. E non ha dovuto affrontare solamente una dura battaglia medica, ma anche una controversia legale per difendere la sua scelta estrema di non sottoporsi alle cure tradizionali. A supportarla, i suoi genitori. Dall'altra parte, l'azienda ospedaliera di Padova.

Come riporta il Corriere della Sera, Eleonora era seguace della filosofia del medico tedesco Ryke Geerd Hamer, che vede l'origine delle patologie in traumi psicologici irrisolti, così come lo sono i genitori Lino e Rita Bottaro. Secondo loro, il terribile male che ha colpito la diciottenne era dovuto alla morte prematura del fratello Luca, stroncato a 22 anni da un aneurisma. Quindi niente chemio nè farmaci, ma cicli "terapeutici" in Svizzera con metodi alternativi: preparati a base di cortisone e vitamine che l'avevano aiutata a migliorare leggermente lo stato generale della sua precaria salute, ma per poco tempo. Fino a giugno, quando una nuova ricaduta l'ha portata verso la fine.

Per il dottor Giuseppe Basso, primario di Oncoematologia pediatrica a Padova, la ragazza poteva sopravvivere: "Poteva salvarsi. La sua malattia è oggi curabile, 4 su 5 guariscono. Purtroppo per procedere avevo bisogno del consenso informato firmato dai genitori, essendo lei minorenne. Ma loro l’hanno negato. Scelta scellerata". Il dottore aveva preso a cuore il caso di Eleonora, portando il caso all'attenzione del Tribunale di Venezia quando la ragazza era ancora minorenne, e il giudice aveva tolto la potestà genitoriale a Lino e Rita Bottura, che nella vita gestiscono un oasi biologica a Bagnoli, nel padovano. Ma quando Eleonora ha compiuto 18 anni, ha deciso di seguire anche lei Hamer. Fino alla fine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giopul1953

    02 Settembre 2016 - 13:01

    Della serie "uccide più l'ignoranza della spada". Genitori così dovrebbero finire in galera senza nessun tentennamento: sono praticamente responsabili di omicidio

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    01 Settembre 2016 - 14:02

    Che peccato, aveva una vita davanti a sè.

    Report

    Rispondi

  • Rando

    01 Settembre 2016 - 13:01

    Avrebbe Potuto..... Ma avrebbe anche NON Potuto guarire.... 4 su 5 sono vivi dopo 5 anni ? forse....

    Report

    Rispondi

  • emigratoinfelix

    01 Settembre 2016 - 12:12

    maledette sette,e maledetti idioti che si fanno imbambolare da questi moderni pseudostregoni...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog