Cerca

rifiutò la chemio

Il papà di Eleonora: "Il tumore si cura da solo, mia figlia uccisa da stress e farmaci"

Il papà di Eleonora: "Il tumore si cura da solo, mia figlia uccisa da stress e farmaci"

I genitori di Eleonora Bottaro sono seguaci della filosofia del medico tedesco Ryke Geerd Hamer che considera ogni malattia come reazione dell'organismo a presunti traumi non risolti. Il padre della ragazza ha spiegato al Corriere della Sera i motivi che secondo lui hanno portato alla morte della figlia: " Colpa della pressione esercitata dal tribunale e dai medici, degli anatemi che le hanno lanciato contro".

Una delle motivazioni che hanno spinto la ragazza a rifiutare la chemioterapia è stata la morte, avvenuta lo scorso anno, di una sua amica che "le raccontava tutto ciò che stava passando, tutte le sofferenze che si sono rivelate inutili e quando è toccato a lei mi ha detto che non ci stava, non voleva soffrire per nulla".

Lino Bottaro però smentisce che alla base di queste decisioni vi siano le teorie alternative del medico Hamer che " non c'entra nulla, si è limitato a scoprire le leggi biologiche per le quali ci ammaliamo, non ha mai suggerito metodi di cura". I genitori sono infine convinti del fatto che Eleonora non si sia mai pentita della scelta fatta perchè "era una ragazza  intelligente, aveva superato la morte di suo fratello e quella dell'amica e aveva una consapevolezza del mondo estremamente superiore a quella degli altri ragazzi".    

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GianniPinotto

    05 Settembre 2016 - 13:01

    E' stata aperta una indagine anche sul caso citato? "Una delle motivazioni che hanno spinto la ragazza a rifiutare la chemioterapia è stata la morte, avvenuta lo scorso anno, di una sua amica che "le raccontava tutto ciò che stava passando, tutte le sofferenze che si sono rivelate inutili e quando è toccato a lei mi ha detto che non ci stava, non voleva soffrire per nulla"

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Settembre 2016 - 14:02

    Se il tumore si cura da solo perchè ha portato la figlia in ospedale?

    Report

    Rispondi

  • rozanu

    01 Settembre 2016 - 18:06

    A parte le idee seguite dal padre, La leucemia linfoblastica acuta ha "prognosi infausta" (Manuele Roversi ed. 2011): e la ragazza ha scelto, con coraggio e fermezza proprio per i suoi 18 anni.

    Report

    Rispondi

blog