Cerca

Il caso

Tribunale horror. Invasione di topi e blatte. È uno schifo: ecco dove

Tribunale horror. Invasione di topi e blatte. È uno schifo: ecco dove

C’è di tutto negli scantinati del Palazzo di Giustizia di Milano. Da insetti a scarafaggi a vecchi elettrodomestici. La causa dello scandalo è tutta nel contratto di pulizie: fino a due mesi fa, infatti, spettava all’amministrazione comunale, ora per legge la manutenzione è passata nelle mani della ministero della giustizia. Ma finora nessuno se ne è occupato.

Sembrano un film di Dario Argento i sotteranei del Palazzo di Giustizia di via Freguglia. I lunghi e bui corridoi sono infatti da tempo «abitati» da topi, scarafaggi e addirittura da piccoli scorpioni. La perfetta scenografia di un film d’horror, verrebbe da pensare. Peccato che si tratti di uno dei più importanti palazzi di Milano, nelle cui aule si è scritta parte della storia giudiziaria del nostro Paese. La causa dello scandalo è tutta nel contratto di pulizie scaduto a fine giugno: fino a due mesi fa, infatti, spettava all’amministrazione comunale la responsabilità della manutenzione del Tribunale, ma poi la disinfestazione è passata per legge in mano al ministero della giustizia. Finito l’incarico del Comune, però, non è però subentrato nessuno.
E il tira e molla di responsabilità regala una situazione surreale. «Questo cambio di gestione non riguarda solo Milano, ma bensì tutta l’Italia stando alle legge entrata in vigore lo scorso gennaio. E pertanto il Comune non ha più responsabilità a riguardo, gli appalti sono stati affidati al ministero di Grazia e Giustizia» fanno sapere da Palazzo Marino.

Da due mesi c’è di tuttto in quegli scantinati abbandonati del Tribunale. Le pigne e pigne di materiali - scatoloni e «corpi del reato» posti sotto sequestro degli ultimi quindici anni, con tanto di sigillo - fanno da supporto a vecchi elettrodestici e arredamenti da ufficio. E, in tutto questo caos e completo abbandono, c’è anche chi ha voluto passarci la notte. Le due vecchie sedie collegate tra loro con una tavola di legno, infatti, fanno pensare più alla dimora di un senzatetto infilatosi nei sotterranei piuttosto che alla scrivania di qualche avvocato. Della serie: sembra che il tema sicurezza continui ad essere un problema.
La situazione non cambia ai piani alti: gli insetti non lasciano tragua neanche agli uffici del sesto e settimo piano. A denunciare il tutto sono stati gli stessi dipendenti del Palazzo, gli unici ad aver l’accesso in questi spazi, dove dall’inizio dell’estate convivono con questo degrado. Il caldo estivo di questi mesi non ha fatto che peggiorare la situazione. Gli insetti sembrano infatti moltiplicarsi con il passare dei giorni.

A fermare l’invasione non bastano nemmeno gli insetticidi. Lo testimonia un vecchio frigorifero abbandonato in un cortile, che, nonostante sia stato trattato con una sostanza disinfestante, resta comunque invaso da insetti. Non si può neanche far affidamento alle tradizionali trappole per topi: le vecchie hanno già offerto veleno ai roditori che comunque sono rimasti sotto le aule del Tribunale.

«La grave situazione di Palazzo di Giustizia si aggiunge a quello di altre zone della città- sbotta il consigliere comunale della Lega Alessandro Morelli-. Questo dimostra ancora una volta, quando sia l’incapacità di Sala oggi, e di Pisapia ieri, nel gestire gli imprevisti della nostra città. L’amministrazione non fa altro che parlare di valorizzare Milano, ma a me sembra che tutto stanno facendo tranne che questo». E poi scherza: «Se i ratti portano sfortuna alle giunte, vedi Roma, non posso che essere più che contento».

Giorgia Venturini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Vittori0

    02 Settembre 2016 - 20:08

    ...vuol dire che le amministrazioni precedenti non hanno mai fatto la DISINFESTAZIONE!!...BELLA E BAVA l'amministrazione uscente!!!...e siamo a MILANO questa volta e non a NAPOLI!!

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    02 Settembre 2016 - 20:08

    Cento migranti a 35 euro a testa al giorno ci costano in un mese 100.000 euro e passa. Con quei soldi altro che disinfestazione radicale del Tribunale di Milano si potrebbe fare. Meditate gente, meditate.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    02 Settembre 2016 - 17:05

    Dite all'impacchettatore Christo di impacchettare per bene Palazzo di Giustizia e immettetevi dosi massicce di Zyklon B, possibilmente quando ci sono anche giudici e compagnia bella. Sarebbe un'efficacissima disinfestazione. Ahahah.

    Report

    Rispondi

    • filen

      filen

      02 Settembre 2016 - 18:06

      Spostategli le scrivanie nei sotterranei forse si svegliano fuori

      Report

      Rispondi

blog