Cerca

Il giallo di Avetrana

Sarah Scazzi, il pm: Fu uno strangolamento durato da 3 a 5 minuti

La toga: "L'omicidio fu frutto di uno scatto d'ira". La madre della piccola contro Michele: "Prima o poi dovrà fare i conti con la sua coscienza"

Michele Misseri

Michele Misseri

Emergono altri macabri particolari dal processo del caso Sarah Scazzi. Oggi, lunedì 4 marzo, è il giorno della requisitoria del Pubblico ministero, Mariano Buccoliero, secondo cui l'omicidio della ragazza "non fu premeditato" ma frutto di "uno scatto d'ira". Il Pm Buccoliero non crede alla confessione di Michele Misseri, che ancora domenica 3 marzo è andato in Tv a Domenica Live, trasmissione condotta da Barbara D'Urso, sostenendo di essere lui il colpevole dell'omicido della nipote e minacciando il suicidio nel caso i giudici dovessero condannare Cosima Serrano e Sabrina Misseri, moglie e figlia. 

La ricostruzione - Secondo la Procura, infatti, sarebbero le due donne le autrici del delitto, nonostante la confessione di Michele Misseri. Ha spiegato Buccoliero durante la requisitoria: "L'azione omicida fu uno strangolamento che è durato da tre a cinque minuti. L'una avrebbe potuto fermare l'altra. Ci fu invece una comune volontà omicida. Una la teneva e l'altra la strangolava". Ad attaccare Michele Misseri ci ha invece pensato Concetta Serrano, la mamma di Sarah Scazzi, che prima di entrare in Tribunale ha dichiarato: "La Procura non ha bisogno delle dichiarazioni di Michele. Quando si spegneranno i riflettori, tornerà a fare i conti con la sua coscienza". Riguardo all'intervista di ieri sera dalla D'Urso ha poi aggiunto: "Per farsi pubblicità gli mettono la camicia a quadri e lo mandano in tv". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    04 Marzo 2013 - 18:06

    perchè l delitto di Sarah è una faccenda tutta al femminile. Si è capito subito quando si è incominciato a parlare di gelosia per Luca così mi pare che si chiami il ragazzo conteso. Come si era capito da subito che Misseri non è il colpevole, altrimenti non avrebbe fatto trovare il telefonino che poi è da lì che si scopre tutto. Misseri pentitosi, sarebbe andato direttamente dai carabinieri a confessare tralasciando la messinscena di aver trovato il telefonino nell' ormai noto oliveto e non ci sarebbe stato motivo di implicare nessuno nel delitto di Sarah Invece molto probabilmente Misseri dietro i maltramenti delle due donne che continuavano nei suoi riguardi, si è vendicato facendo scoprire tutto, anche se è lui la persona che ha occultato il cadavere. L'accusa ha ricostrutito ferfettamente tutto e diamone atto, visto che non capita spesso oggi, di mandare in galera i veri colpevoli, ma bensì degli innocenti.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    04 Marzo 2013 - 17:05

    per concorso in omicidio. Dopo qualche anno di galera qualcuno si deciderà a dire la verità.

    Report

    Rispondi

blog