Cerca

Giro di vite

Rai, basta con gli stipendi d'oro: arriva il tetto massimo / La cifra

Rai, basta con gli stipendi d'oro: arriva il tetto massimo / La cifra

L'aula del Senato ha approvato con 237 voti a favore, nessun contrario e un astenuto, l'emendamento del relatore Roberto Cociancich (Pd) sul tetto di 240mila euro annui agli stipendi nella Rai. "Ho presentato in aula un emendamento che estende anche agli amministratori Rai il tetto di 240mila euro per i dipendenti e consulenti del servizio pubblico. Ritengo che il testo possa raccogliere le sensibilità espresse oggi in aula, a cominciare da quella leghista, rappresentata dal senatore Calderoli" ha affermato in aula il relatore Cociancich. 
"La questione - ha sottolineato - è stata sollevata da Calderoli e ha avuto grande attenzione da molti colleghi: c'è dunque un sentire comune sulla possibilità che venga posto un limite alla retribuzione dei vertici della Rai e che trovi spazi all'interno di questo provvedimento. Il tema peraltro era stato sollevato dalla commissione di Vigilanza che, su iniziativa del Pd, aveva approvato all'unanimità una risoluzione che impegnava la Rai a valutare il tetto dei 240mila euro come limite massimo di remunerazione per i vertici". "Mi risulta che il cda della Rai stesse lavorando per arrivare a questo obiettivo e che il governo a sua volta fosse pronto a intervenire in legge di Stabilita in tal senso. Ciò non toglie che sia opportuno intervenire sin da ora nella legge di cui stiamo parlando" ha concluso l'esponente Pd. Il governo ha dato parere favorevole all'emendamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ketaon_01

    21 Settembre 2016 - 12:12

    240 Mila euro/anno . Ma vaffanculo. Ci voleva un emendamento ? Per cosa poi ? per quella merda che ci fanno vedere a nostre spese ?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    15 Settembre 2016 - 09:09

    Qui c'è gente che non ha di che mettere sulla tavola,che vive sotto i ponti,che fruga nei cassonetti per mangiare,chi ruba per fame.E questi bastardi si permettono di percepire stipendi da 200.000 euro per anno quando i programmi RAI fanno schifo e devo pagare un canone in bolletta per NON vederli.Siate maledetti.

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    15 Settembre 2016 - 09:09

    Tutte chiacchiere, ci saranno sempre coloro che andranno a cachet, milionari......per cui nulla e nessuno fara' un bel tubo.... basterebbe azzerare il canone e costringere sti parassiti a vivere di pubblicita' se sono cosi bravi ed utili come dicono di essere

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    15 Settembre 2016 - 08:08

    Sempre troppi per gente che, per la maggior parte, non serve a nulla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog