Cerca

Risparmio

La spesa intelligente taglia i costi fino alla metà: ecco i trucchi per risparmiare al supermercato

La spesa intelligente taglia i costi fino alla metà: ecco i trucchi per risparmiare al supermercato

Tempi di crisi, tempi di cinghia tirata. Le famiglie italiane approfittano sempre più volentieri di offerte, promozioni e sconti messi in atto dalle catene della grande distribuzione: con qualche accorgimento, infatti, lo scontrino alla cassa può segnare anche un 50% meno. Secondo un'inchiesta di Altroconsumo, in media una famiglia di quattro persone potrebbe passare da una spesa media di 8.500 euro a una di 4.600, mentre un single da 4000 euro potrebbe scendere a 2.200. Come? Puntando sui prodotti smarcati.

Come riporta La Repubblica, abbracciando la filosofia dell'hard discount, cioè comprando i prodotti più economici e di marche meno note, (da discount, appunto) il risparmio sarebbe massimo. Ma se si vuole essere certi della qualità del prodotto senza rinunciare a un vantaggio economico, allora meglio puntare sulle marche commerciali, cioè i prodotti della catena in cui si fa la spesa.
Conad, Esselunga, Carrefour, Coop (per citare le più capillari in Italia), smerciano prodotti a marchio proprio, garantendo al cliente la stessa qualità dei brand più noti ma ad un prezzo più conveniente. "Nella grande distribuzione il fenomeno delle marche commerciali sta emergendo come arma fondamentale per attirare i clienti in un determinato punto vendita garantendo anche la qualità" ha detto Marco Bulfon, curatore della ricerca Altroconsumo. 

Il risparmio, comunque, è un'operazione che ha bisogno di molta attenzione. La cosa migliore sarebbe poter dedicare tempo al confronto delle etichette, non lasciandosi solo attirare dal prezzo esposto ma valutando il costo al chilo. Quest'ultimo inoltre può subire variazioni clamorose nel tempo (in base alle promozioni attive e alla stagionalità dei prodotti) e nello spazio (al Nord è arcinoto che sia più costoso vivere: la stessa passata può costare un euro a Catanzaro e 2,70 euro a Venezia).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    21 Settembre 2016 - 21:09

    per chi ha provato ad acquistare i prodotti discount, dopo poco ha lasciato, impossibile mangiare sempre merda, i prodotti discount per il buon 50% sono di qualità scadente al limite della legalità, lo stesso vale per i prodotti che portano il marchio del supermercato, il 50% non dovrebbe nemmeno essere commercializzato, non capisco il risparmio, dovete scrivere chi si accontenta gode e risparmia

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      22 Settembre 2016 - 16:04

      Qui non si parla di discount. Coop non è discount e i prodotti sono buoni

      Report

      Rispondi

blog