Cerca

Il pensiero

Migranti, Bagnasco: "Italia fa il possibile, ma è troppo sola". E sul referendum invita a votare si

Migranti, Bagnasco: "Italia fa il possibile, ma è troppo sola". E sul referendum invita velatamente a votare si

"Nell'accoglienza ai migranti l'Italia è in prima linea e, nonostante difficoltà oggettive, continua a fare tutto il possibile su questo fronte che la vede ancora troppo sola". Lo ha detto il cardinal Bagnasco  al Consiglio permanente della Cei.

"Più che di tanta povera gente disperata che bussa alle porte del continente - ha continuato il cardinale -  l’Europa dovrebbe temere il cambiamento del modo di pensare che si vuole imporre dall'esterno. Il Papa molte volte ha messo in guardia dalle colonizzazioni in atto, che chiama pensiero unico: esso vuole costringere a pensare nello stesso modo, con gli stessi criteri di giudizio al di sopra del bene e del male". 

Bagnasco ha concluso il suo intervento parlando di Referendum, senza sbilanciarsi ma con un’indicazione che appare chiara: "Il Paese è atteso per un importante appuntamento, il Referendum sulla Costituzione. Come sempre, quando i cittadini sono chiamati ad esprimersi esercitando la propria sovranità, il nostro invito è di informarsi personalmente, al fine di avere chiari tutti gli elementi di giudizio circa la posta in gioco e le sue durature conseguenze" .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nordest

    27 Settembre 2016 - 10:10

    Mai mai e poi mai si deve votare sì : che siete tutti di sinistra lo abbiamo capito ma ruffiani fino a questo modo non va bene .

    Report

    Rispondi

  • Skyler

    27 Settembre 2016 - 10:10

    Viktor Campus...e i coglioni come te si astengono?

    Report

    Rispondi

  • Aquila1976

    27 Settembre 2016 - 08:08

    La Chiesa mescolata alla politica genera solo brutte cose

    Report

    Rispondi

  • scalone

    27 Settembre 2016 - 08:08

    Qui bisogna ritornare alla presa di Porta Pia,questi papponi di vescovi parassiti di noi cattolici,non smettono mai di farsi gli affari che non li competono.Pensassero ai preti pedofili .

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog