Cerca

La banca-rotta del Pd

Scandalo Montepaschi,suicida a Siena il capo comunicazione David Rossi

Scandalo Montepaschi,suicida a Siena il capo comunicazione David Rossi

 

di Fosca Bincher

lle 20,45 il tonfo. Dalla finestra del suo ufficio al Monte dei Paschi di Siena, si è lanciato nel vuoto David Rossi, il manager responsabile dell’area comunicazione. Un botto nel cortile interno di Rocca Salimbeni, che a quell’ora solo il portiere è riuscito a sentire. Subito la chiamata al 118, ma la corsa verso l’ospedale è stata inutile: Rossi era già morto. Nel cestino sotto la sua scrivania gli inquirenti hanno trovato solo un foglio accartocciato e una scritta a mano:  «Ho fatto una cavolata».  Entra così nel dramma l’inchiesta sulla banca rossa, che si tinge di sangue e mistero come i grandi scandali della finanza italiana. Furono i suicidi ad accompagnare lo scandalo Enimont, lo stesso dramma esplose nella vicenda del Banco Ambrosiano. Il mistero del suicidio di Roberto Calvi, certo. Ma anche un suicidio che sembra identico a quello di ieri a Siena. Era il 17 giugno 1982 quando dopo un misterioso consiglio di amministrazione del Banco Ambrosiano cui era stata chiamata a partecipare la segretaria di Calvi, Graziella Corrocher, si lanciò dalla finestra della sua stanza al quarto piano della banca.

Rossi aveva 51 anni, una compagna, Antonella, e due figli (una, Carolina, veniva dalla precedente unione di lei). Dal 2006 guidava la comunicazione della Banca. Iniziò a fianco dell’ex sindaco di Siena, Pierluigi Piccini, alla fondazione Monte dei Paschi. Fu chiamato alla banca da Giuseppe Mussari, che era stato suo compagno di università. Con Mussari non c'era solo un rapporto di lavoro, ma un'amicizia. Era uno dei due amici «del cuore» di Rossi: l’altro era David Taddei, ultimo portavoce del sindaco uscente di Siena, Franco Ceccuzzi. Con Taddei i due David avevano costituito anche una società di comunicazione, la Freelance (poi sciolta quando entrambi trovarono lavoro da dipendenti). 

Con Mussari Rossi divideva non solo il lavoro, ma anche il tempo libero: la domenica si frequentavano le due due famiglie, spesso andavano allo stadio insieme a vedere il Siena, ogni tanto una sciata sull'Amiata dormendo a casa di David a Badia San Salvatore.

È in quella amicizia - che superava perfino le divisioni contradaiole (David era della Lupa, Mussari dell’Istrice) che probabilmente si trova la chiave del dramma di ieri sera. L’inchiesta su Mps aveva portato a una perquisizione della casa e dell’ufficio di Rossi una decina di giorni fa. I giornali avevano scritto che non era indagato, e solo persona informata dei fatti, ma una perquisizione non viene mai fatta a un testimone. Rossi aveva paura, tanta. E qualcosa aveva detto ai magistrati quando era stato ascoltato. Quel verbale era stato segretato. Aveva parlato anche di Mussari, e non solo della loro amicizia. Dell’amico conservava anche tutti i segreti professionali, e Rossi sapeva molto di quello che era avvenuto con l’operazione Antonveneta. Forse si è pentito di quel che aveva dichiarato, forse ha avuto paura di quello in cui era stato coinvolto e che ormai stava emergendo dalle indagini. È in quel verbale la chiave del gesto drammatico di ieri sera.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elenasofia

    elenasofia

    08 Marzo 2013 - 15:03

    Possibile che per uno scandalo così grande siano tutti (eccetto uno) a piede libero? Non c'era pericolo di fuga o di inquinamento delle prove?

    Report

    Rispondi

  • elenasofia

    elenasofia

    08 Marzo 2013 - 15:03

    Se è vero che è dal 2010 che la magistratura indaga su MPS, come mai non possiamo conoscere uno straccio di intercettazione o di verbale di interrogatorio? Dove sono quei giornali che pubblicavano in tempo reale quanto avveniva nelle procure?

    Report

    Rispondi

  • giannistecca

    07 Marzo 2013 - 16:04

    Ma da nessuna parte, ovvio. Qui Berlusconi non centra e allora "tutto va ben madama la marchesa, tutto va ben". Questa è la regola vigente oggi in Italia. Ma perché vi scandalizzate tanto? E' sempre stata così. E se domani Berlusconi prendesse il 60 % dei voti le parti si rovescierebbero: così è fatto il popolo italiano. Si sale sempre sul carro del vincitore. E' la nostra regola aurea.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    07 Marzo 2013 - 14:02

    LO hanno fatto fuori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog