Cerca

Alla sbarra anche gli ex vertici dei Ros dei carabinieri

Trattativa Stato-mafia
Mancino e Dell'utri a processo
con i boss della mafia

Il gip ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio della procura di Palermo: "Gli imputati hanno agito per turbare la regolare attività dei corpi politici dello Stato"

Trattativa Stato-mafia
Mancino e Dell'utri a processo
con i boss della mafia

 

Tutti sul banco degli imputati, capimafia e rappresentanti delle istituzioni. Lo ha deciso il gup Piergiorgio Morosini, al termine dell'udienza preliminare per la vicenda della trattativa Stato-mafia. Il giudice ha accolto le richieste della Procura di Palermo rinviando a giudizio Salvatore Riina, Leoluca Bagarella e Antonino Cinà insieme all'ex ministro Nicola Mancino, al senatore Pdl Marcello Dell'Utri e agli ex vertici del Ros dei carabinieri: i generali Mario Mori e Antonio Subranni e l'ex colonnello Giuseppe De Donno. Nel processo, che si aprirà il 27 maggio, saranno imputati anche il pentito Giovanni Brusca e Massimo Ciancimino, il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo che nel 2008 aveva aperto con le sue dichiarazioni l'inchiesta sulla trattativa.

"Gli imputati hanno agito per turbare la regolare attività dei corpi politici dello Stato Italiano e in particolare del governo della Repubblica" è l'accusa mossa dal pool che fino a ottobre è stato coordinato dall'ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, composto  dai sostituti Nino Di Matteo, Lia Sava, Francesco Del Bene e Roberto Tartaglia. Solo l'ex ministro Mancino risponde di falsa testimonianza. Ciancimino è accusato di calunnia nei confronti dell'ex capo della polizia Gianni De Gennaro. Nelle scorse udienze, il giudice aveva stralciato la posizione dell'ex ministro Calogero Mannino, che ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Resta al momento sospesa la posizione del boss Bernardo Provenzano, gravemente ammalato.

Nelle registrazioni delle intercettazioni telefoniche disposte dalla Procura sulle utenze di alcuni indagati, erano finite pure quattro conversazioni fra l'ex ministro Mancino e il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, oggetto di un conflitto di attribuzione sollevato dal Quirinale. Dopo la decisione della Consulta, i pm hanno inviato gli audio dei dialoghi Mancino-Napolitano al gip, per la distruzione.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vecchiodeluso

    07 Marzo 2013 - 19:07

    chissà quando si potrà finalmente dire che la legge è uguale per tutti, tutti, tutti, politici (a tutti i livelli e cariche) magistrati, e boiardi vari.

    Report

    Rispondi

  • gilucas

    07 Marzo 2013 - 17:05

    Non deve dire qualcosa anche lui?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    07 Marzo 2013 - 15:03

    dopo aver cazziato la Procura,perchè a suo dire ha combinato un casino,manda tutti a processo per lavarsene le mani,che la grana se la risolvano gli altri.Ponzio Pilato docet.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    07 Marzo 2013 - 14:02

    Da fine bibliofilo e umanista qual è, si limitava ad ordinare dei libri

    Report

    Rispondi

blog